Quando la lamiera stirata MEVACO protegge dal sole

24/giu/2012 22.45.45 BIZCOMIT.IT Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Göppingen, giugno 2012. L’architetto Pier Francesco Cherchi insieme a Federico Ledda della carpenteria metallica Omnimat ha creato in Sardegna una loggia come protezione dal sole, per difendere gli inquilini della casa da lui progettata dalle alte temperature. Per questo progetto è stata utilizzata lamiera stirata MEVACO a rombo 62x23x3, tirata su profili di acciaio con la possibilità di aggiungere internamente dei teli.

In Sardegna sono più di 300 le giornate di sole all’anno. Da una parte è proprio questo che rende l’isola del Mediterraneo una meta turistica molto amata, dall’altra bisogna anche sapersi proteggere dal sole estivo a volte molto caldo ed abbagliante. Proprio per questo Pier Francesco Cherchi dello studio di architetti C+C04 Studios di Cagliari quando dovette progettare un edificio residenziale in uno dei quartieri periferici di Cagliari con appartamenti di proprietà, prese il tema della “protezione dal sole“ come punto fondamentale di tutto il concetto costruttivo. Il concetto che è stato impostato consiste nel colore sul bianco e su tonalità sfumate di grigio. Con la chiara luce del sole rende molto bene. Inoltre i balconi sono stati resi otticamente più lunghi, perché è stata dipinta la parete esterna per la stessa larghezza in grigio scuro e creato così un collegamento con la porta della terrazza sottostante.

I balconi sono rivestiti con lamiera stirata a rombo 62x23x3. Tuttavia non solo fino all’altezza   della porta del balcone, bensì un terzo in più. La lamiera stirata diventa così una facciata chiusa. Questa forma architettonica della loggia è molto comune nel Sud. Le logge venivano costruite frequentemente durante il Rinascimento italiano e all’epoca chiuse con vetro. Oggi percorriamo la strada moderna utilizzando la lamiera stirata. Non solo ha un bell’aspetto, bensì soddisfa due funzioni importanti: da una parte protegge da sguardi indiscreti, in fondo ci troviamo in una zona abitata dove gli edifici non sono lontani tra loro, e dall‘altra protegge dal sole. Ecco che siamo tornati sul tema. Ma non è finita qui, poiché in questa costruzione con la lamiera stirata l’architetto ha previsto una funzione aggiuntiva e cioè ha tirato la lamiera stirata su telai di acciaio e poi piegato e saldato i bordi sul telaio. Qui, internamente, si possono fissare teli che garantiscono un’ulteriore protezione dal sole. I lavori di carpenteria sono stati eseguiti dalla carpenteria metallica Omnimat di Elmas.

 Indipendentemente dall’aspetto climatico, ci sono altri vantaggi delle lamiere stirate di MEVACO, che vengono utilizzate molto volentieri dall’architetto Cherchi. Infatti esse sono economiche e facili da lavorare. Se vengono utilizzate come facciata donano agli edifici un look moderno, permettendo comunque di realizzare idee architettoniche tradizionali. Così gli abitanti si godono la loro loggia rivestita di lamiere stirate anche se dovessero arrivare le nuvole all’orizzonte. Perché i sardi lo sanno che il prossimo giorno di sole arriva di sicuro.  

Contatto azienda MEVACO:
MEVACOGmbH, Vordere Karlstraße 12, 73033 Göppingen, Tel.: +49 800.5891160, E-Mail info@mevaco.de,www.mevaco.de
MEVACO Srl, Via Stazione 1, 39044 Egna (BZ), Tel.: 0471/827211, Fax: 0471/827220, egna@mevaco.it, www.mevaco.it


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl