"I test di ammissione uguali per tutti"

26/giu/2012 17.26.08 BIZCOMIT.IT Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Lo afferma Il Rettore della UniCusano ai microfoni di Radio Manà Manà

"È giusto che vi sia una selezione d’ingresso all’università, i test però dovrebbero essere di cultura generale". Commenta così ai microfoni di "Ho scelto Manà" il professor Giovanni Puoti, Rettore dell’Università Telematica Niccolò Cusano, la decisione del Consiglio di Stato in merito ai test d’accesso all’università.
Dopo le polemiche messe in atto dagli studenti secondo i quali le prove d’ingresso sono delle vere e proprie lotterie, il Consiglio di Stato ha sostenuto che il superamento delle prove di ammissione non dipendono dal merito del candidato, bensì da fattori casuali. "Molto spesso – aggiunge – questi test contengono delle domande specifiche sull’indirizzo che lo studente intende prendere, ma forse si dimentica che il candidato non può avere una cultura in merito.
Piuttosto si deve sondare l’attitudine e l’inclinazione di uno studente". Le prove di ammissione andrebbero riviste, – continua il professor Puoti – ma non eliminate, secondo il Rettore dell’Unicusano professor Giovanni Puoti. "I test non sono discriminatori. – conclude – È fondamentale avere dei test uguali per tutti, anche nelle università in cui vi sono i test di autovalutazione.
Gli ultimi esami di maturità, i cui temi sono stati diffusi attraverso lo strumento informatico, hanno dimostrato che anche in sede universitaria questo è possibile".
Main sponsor di radio Manà Manà è l’Università degli studi Niccolò Cusano-Telematica Roma.


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl