Mega Raduno di Maserati Biturbo per il 30° Anniversario

04/lug/2012 16.21.49 BIZCOMIT.IT Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

In occasione del 30° compleanno della Maserati Biturbo, il Biturbo Club Italia, club di modello sorto alla fine del 2000, in collaborazione con il Maserati Club Italia ed il patrocinio del Comune di Modena ha organizzato il 23 – 24 giugno 2012 un grande evento internazionale celebrativo. Presente tutta la produzione Biturbo dalla 1^ serie carburatore alle varianti tecnico e derivate, le serie 4 ad indicare le versioni quattro porte, le spyder e tutte le successive varianti fino ad arrivare alle più moderne 3200 GT e le Quattroporte evoluzione. Altro se non Modena, Terra dei Motori, poteva essere la location per questo eccezionale appuntamento. Anteprima dell’ultimo minuto ha fatto iniziare l’evento il venerdì pomeriggio, quando gli equipaggi giunti da più lontano sono stati accolti presso la sede di Maserati s.p.a. in Viale Ciro Menotti, hanno potuto parcheggiare le proprie Biturbo nel cortile aziendale antistante il nuovo Showroom e hanno effettuato la visita dello stabilimento. In questa immersione nella storia di questa terra, si è partiti quindi, sabato mattina dalla visita del Museo Storico della Stanguellini Automobili ove si è potuta visitare la Mostra “ Una storia che mancava 1910 – 2010 “ dedicata ai 100 anni di questa storica famiglia di pionieri nella elaborazione dei motori e nella partecipazione alle competizioni agonistiche. Dalla storia dei motori alla storia di Modena con il trasferimento in piazza Roma, ove la rassegna di Biturbo è stata esibita alla cittadinanza nel salotto buono di Modena dinnanzi al Palazzo Ducale, ora Accademia Militare. L’effetto scenico era di grande effetto. I partecipanti hanno poi pranzato al ristorante “ La Secchia Rapita “, di proprietà della famiglia DeTomaso, nel quale ai tempi delle Biturbo si svolgevano le più importanti cene e riunioni ( di rapresentanza e private ) di Alejandro deTomaso, della Maserati e del vecchio Club Maserati. A questo evento sono stati invitati alcuni degli uomini che contribuirono alla realizzazione ed all’evoluzione di questa serie di vetture. Tra questi alla Secchia Rapita ha destato particolare entusiasmo la presenza di Pierangelo Andreani designer della Maserati Biturbo, colui che dalle indicazioni di progetto dettate dal patron Alejandro ha saputo creare una elegante e sportiva vettura che oggi, forse ancor più di allora sta rivivendo una seconda vita entusiasmando anche i giovani che allora non erano ancora nati o non avevano ancora l’età o le possibilità economiche per potersi avvicinare a questo oggetto del desiderio riportante il tridente sulla mascherina. Nel contesto del raduno sono state intraprese iniziative benefiche di raccolta fondi a sostegno delle popolazioni della regione colpite dal terremoto. Nel primo pomeriggio si è tenuta la visita al nuovissimo complesso museale MEF ( Museo Casa Enzo Ferrari ) ove per la prima volta nella Terra dei Motori nella stessa sede sono esposti esclusivi modelli Alfa Romeo, Stanguellini, Maserati e Ferrari e DeTomaso. Ripresi i v6 e v8 il lungo serpentone ha raggiunto l’azienda agricola Hombre della famiglia Panini ( quella delle celebri “figurine” dei calciatori ), anche se ormai più nota agli appassionati di motori per la pregevole collezione d’auto d’epoca, per la maggior parte costituita dalle vettura Maserati provenienti dall’ex-museo interno delle Officine Alfieri Maserati. In questo contesto di fronte alla più variegata e completa esposizione di Maserati Biturbo e derivate che sia mai stata organizzata si è tenuto un concorso di eleganza dedicato. Presidente della commissione Pierangelo Andreani assistito dal ex direttore dell’assistenza Corghi ed altri membri dell’epoca. Premiate la Biturbo meglio conservata, la Biturbo più piacevole scelta da Andreani, la più rara ed unica 428 2800 cc, una bella Biturbo II proveniente da Siracusa, ed una Ghibli primatist espressione delle serie speciali della ultima produzione. Cambio d’abito per la sera con la cena di gala che si è svolta al celebre ristorante “Europa92”, di proprietà della famiglia Pavarotti e situato nella tenuta del compianto tenore, da sempre cliente Maserati e che in quegli anni faceva anche da testimonial nelle pubblicità delle Biturbo. Qui c’è da dire che a distanza di 30 anni la Biturbo in veste di “auto da sera” mantiene ancora quella eleganza che l’abito sartoriale disegnato da Andreani e marchiato dal tridente manifesta ancora con stile e verve. Nel corso della serata in compagnia degli uomini che contribuirono alla realizzazione di questa vettura sono stati ripercorsi ricordi ed aneddoti molti incentrati sulla persona di De Tomaso deus es machina, impegnato in prima persona nei vari progetti e personaggio dal carattere non sempre facile da gestire. Tra gli ospiti l’inossidabile Ermanno Cozza, enciclopedia vivente della storia Maserati e che lo scorso ottobre 2011 ha celebrato sessanta anni di attività col tridente. Domenica 24 la giornata è stata invece di stampo più sportivo e svolta nel nuovo Autodromo di Modena, anch’esso di recente inaugurazione. Si sono potute ammirare le Maserati da competizione di quegli anni esibirsi in pista: Biturbo Gruppo A, Ghibli Open Cup, Barchetta, 320S. Vincitore del Trofeo del Trentennale ( prova di regolarità ) è stato Giulio Tassini di Firenze su 222. In conclusione: 78 vetture presenti. Presenze da tutta Italia da Pordenone a Siracusa. Equipaggi da sei diverse nazioni estere. Giornalisti e cameraman giunti apposta dall’Australia. Versioni rarissime come : 430, 228, Karif, Shamal, Ghibli Cup, 3200 GTA. Uniche come la 428, le versioni da competizione. Tredici ospiti d’onore scelti tra chi ha fatto la storia di queste vetture. I complimenti ricevuti da parte della divisione Maserati Classiche di Maserati s.p.a., che ha anche donato oggetti di automobilia Maserati per aiutare la raccolta fondi collegata al raduno. Oltre € 2.300,00 di fondi raccolti in favore delle popolazioni colpite dal terremoto. L’intera produzione Maserati anni ’80 e ‘90 schierata, per la prima volta nella storia tutta insieme nei cortili del Museo Panini. Un autodromo interamente invaso dal fischio delle turbine…. Ma soprattutto tanta amicizia e una passione ineguagliabile…. Per il più grande e prestigioso raduno di vetture Maserati Biturbo e derivate che sia mai stato organizzato.
Tutto questo e molto altro è stato il 30° Anniversario del Maserati Biturbo !

www.biturboclubitalia.it
Carlo Carugati
Adetto Stampa


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl