A radio Manà Manà il Centro Ascolto Uomini Maltrattanti

11/lug/2012 17.35.44 BIZCOMIT.IT Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

“Per interrompere il cerchio di violenza, si deve intervenire sugli uomini”

“Chi usa violenza non è da considerarsi malato, ma deve assumersi la responsabilità dei suoi comportamenti”. È quanto afferma ai microfoni di “Ho scelto Manà” Alessandra Paunz, presidente del Centro Ascolto Uomini Maltrattanti (C.A.M.) di Firenze. Il centro volge verso il terzo anno di vita e nasce con l’intenzione di spezzare il circuito patologico in cui si dispiegano le dinamiche delle violenze familiari, dove nella maggior parte dei casi le vittime sono donne. “Oltre al supporto alle vittime, – aggiunge – è fondamentale intervenire sugli uomini che praticano violenza. Gli uomini che si rivolgono a noi sono persone che hanno investito molto nelle loro relazioni sentimentali. Sviluppano, quindi, una consapevolezza per paura che il loro legame si rompa.
Oppure un’altra molla che consente a questi uomini di rivolgersi al C.A.M. è la sofferenza che a causa delle loro condotte investe i figli”. Purtroppo, però, meno della metà delle persone che si rivolge al centro fiorentino inizia un percorso terapeutico. “Pur riconoscendo una problematica, – continua Alessandra Paunz – hanno delle gravi difficoltà nel mettere in discussione queste dinamiche deleterie. Quelli che invece riescono a fare il percorso di cura, sono molto soddisfatti dei risultati”. È importante per questi ultimi iniziare il lavoro di cura in un gruppo, all’interno del quale possono rintracciare altri individui con le stesse problematiche. “Finora sono 98 gli uomini violenti che hanno fatto ricorso al C.A.M. – prosegue – La maggior parte provengono dalla Toscana e dal Nord Italia. Dopo circa due mesi che queste persone hanno iniziato l’iter di cura da noi hanno interrotto le violenze fisiche.
Mentre per troncare quelle psicologiche nei confronti delle loro compagne, il percorso necessita di maggiore tempo, circa un anno”. Attualmente vi sono circa altri 10 centri per aiutare uomini maltrattanti, affianco ai quali vi sono anche centri antiviolenza per aiutare le donne.
Il numero di telefono per contattare la Rete Nazionale Antiviolenza è 1522, mentre i contatti del C.A.M., attivo dal lunedì al giovedì, possono essere reperiti sul sito ufficiale del centro: www.centrouominimaltrattanti.org.
Main sponsor di Radio Manà Manà è l’Università degli studi Niccolò Cusano-Telematica Roma.


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl