78°sagra delle cerase a Palombara Sabina

07/giu/2006 15.37.00 ufficio stampa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
78° Sagra delle Cerase
 
Sfilata dei carri a Palombara Sabina
 
 
 
 
Arriva il caldo, e si aprono le porte delle case palombaresi, scendono tutti in piazza per festeggiare le cerase. Sono 78 anni, che gli abitanti di Palombara Sabina celebrano questo frutto, che nel tempo si è rivelato una grande risorsa economica per il paese.
La Sagra delle Cerase che  prenderà il via da domani, giovedì 8 giugno per concludersi  martedì 13, sarà animata da sfilate, danze popolari canti e mostre che seguiranno nei sei giorni di festa, dove le ciliegie palombaresi, che hanno ricevuto una propria denominazione, saranno le protagoniste.
 
La Ravenna di Palombara viene infatti esportata in tutta Europa: rossa e carnosa, dal sapore eccellente, le cerase sono così diventate le star assolute di una festa che celebra insieme anche l’arrivo dell’estate e la stagione del raccolto.
 
Il legame con la produzione di questo frutto ha reso Palombara Sabina sempre più vicina al Giappone, con il quale  ha stretto il gemellaggio con la cittadina di Onischi-Machi nota per il fiore di ciliegio simbolo di buon augurio. Palombara Sabina, sorge su un colle ai piedi del Monte Gennaro, è dominata dal Castello Savelli e circondata da ricche estensioni di ulivi e ciliegi. Qui vengono raccolti ogni anno quintali e quintali di ciliege e di fiori profumati, con cui vengono arricchiti i magnifici carri allegorici. Nei giorni che precedono la manifestazione ogni rione cittadino prepara, in gran segreto, il proprio carro per la Sfilata delle Cerase.
 
Durante le notti che precedono il gran momento di festa, gli abitanti fremono per i preparativi, la copertura dei carri è interamente vegetale, composta di ciliege e di fiori. Non sono ammessi, infatti, carri verniciati. Famiglie intere sono al lavoro: fiori e cerase vengono attaccati uno per uno alla struttura portante, con una colla a caldo fatta di un impasto d’acqua e farina. In questo i colori della frutta non perdorono la loro brillantezza.
 
Durante la sfilata si possono ammirare personaggi reali o fiabeschi, eroi dei cartoon, edifici e monumenti, il castello, animali, automobili d’epoca, aerei... Tutto può essere messo in scena, il tema dei carri infatti è libero. La partecipazione di abitanti e visitatori è sempre molto numerosa, gli abitanti dei rioni seguono il proprio carro facendo il tifo.
 
 
 
Per info
3408505381
patriziarenzetti@yahoo.it


Patrizia Renzetti
 

Chiacchiera con i tuoi amici in tempo reale!
http://it.yahoo.com/mail_it/foot/*http://it.messenger.yahoo.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl