Festival Internazionale Organistico città di Senigallia

COMUNICATO STAMPA Giovedì 6 luglio, con un nome di grande rilievo mondiale, prenderà il via la quinta edizione del Festival Organistico Internazionale città di Senigallia (Chiesa Santa Maria della Neve - ingresso gratuito - Inizio concerti ore 21,15) che si presenta con un importante cartellone di appuntamenti che arriveranno sino al 18 agosto.

01/lug/2006 15.28.00 Ufficio Stampa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Presentata questa mattina in Conferenza Stampa presso la Sala Giunta del Comune di Senigallia la quinta edzione del Festival Internazionale Organistico Città di Senigallia.
Ad illustrare la prestigiosa edizione il Sindaco del Comune di Senigallia Luana Angeloni, l'Assessore alla Cultura Velia Papa,il Direttore artistico del Festival Federca Iannella, il resposabile del progetto Don Giuseppe Bartera.
 
 

Festival Internazionale Organistico città di Senigallia

V edizione - 6 luglio / 18 agosto 2006

Chiesa Santa Maria della Neve

Senigallia (AN)

 

Nell’ambito del programma  due appuntamenti saranno dedicati ai due anniversari festeggiati dal mondo musicale: i 250 anni dalla nascita di Wolfgang Amadeus Mozart e i 150 anni dalla morte di Robert Schumann.

Altri brani organistici mozartiani pervaderanno inoltre diversi recital della rassegna.

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

 

 

Giovedì 6 luglio, con un nome di grande rilievo mondiale, prenderà il via la quinta edizione del Festival Organistico Internazionale città di Senigallia (Chiesa Santa Maria della Neve - ingresso gratuito - Inizio concerti ore 21,15) che si presenta con un importante cartellone di appuntamenti che arriveranno sino al 18 agosto. Ad aprire il Festival diretto da Federica Iannella sarà l’organista e noto compositore Guy Bovet che oltre ad un repertorio radicato nella tradizione antica spagnola e francese, presenterà i più rappresentativi brani della sua collezione compositiva.

Il Festival Internazionale Organistico è nato con lo scopo di valorizzare il patrimonio organario che caratterizza la città di Senigallia, legato alla promozione del repertorio organistico di ogni tempo e di ogni luogo.

Esempio dell’arte organaria contemporanea, pressoché unico nella regione Marche, è la costruzione del nuovo organo meccanico a tre tastiere e circa 2000 canne costruito nell’anno 2002 dalla ditta Pinchi, che oltre a manifestare un risveglio dell’arte organaria del nostro tempo, rappresenta un notevole impulso alla committenza di nuove composizioni organistiche, all’esecuzione di molti brani contemporanei. Dall’anno 2003 al 2005 il nuovo organo Pinchi - Opus 422 è stato protagonista di quattro edizioni concertistiche, ognuna delle quali vantava otto concerti, dove si sono alternati in prestigiosi recital, i più famosi organisti del mondo, tra cui Ton Kopmann, Jean Guillou, Jose luis Gonzales - Uriol, Jean Paul Imbert, Lorenzo Ghielmi, Bernard Gferer, Ludger Lohmann.

Il festival, che vede la direzione artistica di Federica Iannella, è promosso dalla Parrocchia di Santa Maria della Neve con il contributo del Comune di Senigallia Assessorato alla Cultura ed il patrocinio della Provincia di Ancona e della Regione Marche, oltre ad alcuni sponsor privati. Presidente del Comitato Organizzatore del Festival il dott. Leopoldo Uccellini, Cavaliere di Gran Croce, responsabile del progetto è Don Giuseppe Bartera.  

 

Quest’anno il Festival Organistico Internazionale città di Senigallia proseguirà il filone inaugurato nelle scorse edizioni: la diffusione della cultura organistica nell’Europa unita, presentando novità assolute del repertorio organistico anche meno conosciuto con pezzi orientati nel periodo di fine ottocento e primi novecento. Una scelta artistica attuabile grazie alla versatilità dello strumento. A rafforzamento dell’unione con le diverse culture, il progetto si avvale ogni anno della presenza di organisti provenienti dalle città gemellate con Senigallia.

Attraverso l’interpretazione dei più apprezzati esecutori, i cui nomi sono sigillo di indiscussa notorietà presso i più importanti festival del mondo, rappresentanti delle diverse scuole, francesi, tedesche, italiane ed inglesi, si potrà ascoltare un vasto repertorio organistico, dai brani più antichi alle avanguardie dei nostri giorni, con particolare memoria agli anniversari del 250° dalla nascita di Wolfgang Amadeus Mozart e dei 150 anni dalla morte di Robert Schumann.

Il concerto del 20 luglio infatti sarà interamente dedicato al grande genio salisburghese con l’esecuzione delle celeberrime Kirchensonate (sonate da chiesa) per Organo (Marco Fracassi) due violini (Silvano Minella, Antonio De Lorenzi) e  Viloncello  (Marco Pierini). Altri brani organistici mozartiani, originariamente scritti per orologio meccanico, saranno presenti nei diversi recital dell’intera rassegna.

Al concerto del maestro Alessandro Bianchi (10 agosto) invece si potrà apprezzare la Fuga sul nome B.A.C.H.  op. 60 N°3 di Robert Schumann.

Leitmotiv della V edizione sarà dunque la felice unione del tempo antico e dell’attualità, dimostrando come la complementarietà sia un aspetto proprio della musica del primo Novecento italiano, dove il modernismo arcaicizzante si esplica nella rinascita dell’interesse per le antiche tradizioni.

La manifestazione si articolerà in 7 concerti, tutti di giovedì tranne quello del 18 agosto, tra luglio ed agosto presso la chiesa Santa Maria della Neve. I concerti avranno inizio alle ore 21,15 e saranno ad ingresso gratuito. Info: www.organsenigallia.com

 

 

PROGRAMMA DEL FESTIVAL

Dopo il concerto inaugurale del 6 luglio di Guy Bovet (Neuchâtel), giovedì 13 luglio sarà la volta di Jurgen Wolf (Lipsia); uno dei più importanti organisti a servizio delle Chiese del Nord Europa, Kantor e organista titolare della chiesa di St. Nikolai  di Lipsia. Giovedì 20 luglio I solisti di Cremona eseguiranno Le kirchensonate W.A. Mozart nel 250° anniversario. Giovedì 27 luglio a dominare la scena sarà l’organista inglese Philip Rushforth della città di Chester gemellata con Senigallia, che presenterà brani del maestro Guy Bovet.

In agosto il carnet di appuntamenti proseguirà giovedì 3 con l’esibizione del maestro Wolfgang Zerer (Amburgo), uno dei più emergenti interpreti e didatti del mondo organistico europeo. Giovedì 10 agosto Alessandro Bianchi (Como) celebrerà l’anniversario dei 150 anni dalla morte di Schumann. Venerdì 18 agosto concluderà il festival Andrea Macinanti (Bologna), musicista colto e attento alla riscoperta della letteratura organistica dell’ottocento italiano, ricordiamo la monumentale opera critica su Marco Enrico Bossi.

 

 

 

Festival Internazionale Organistico città di Senigallia

Ufficio Stampa

Alessandro Piccinini Comunicazione

338.4169263 - 071.7922244

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl