Roma, 8 gennaio 2014. Incontro su Mindfulness e depressione.

06/gen/2014 21.12.19 BIZCOMIT.IT Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

In Italia il fenomeno colpisce nell’arco della vita, l’11,2% della popolazione. Il Centro Italiano Studi Mindfulness organizza un incontro, condotto dalla dottoressa Bianca Pescatori e aperto a tutti, per condividere come si possa superare la depressione grazie alla Mindfulness

La depressione è un problema molto comune. Secondo lo studio Esame (European Study of the Epidemiology of Mental Disorders) in Italia, la prevalenza della depressione maggiore e della distimia (depressione cronica) nell’arco della vita è dell’11,2% (14,9% nelle donne e 7,2% negli uomini). Secondo dati diffusi dal Ministero della Salute nelle persone ultra 65enni la depressione maggiore e la distimia hanno una prevalenza nell’ultimo anno pari al 4.5% Inoltre risulta che il 2% dei bambini e il 4% degli adolescenti ha in un anno un episodio di depressione che dura almeno 2 settimane. I disturbi depressivi possono comparire a seguito di un evento scatenante (per esempio un lutto imprevisto e improvviso, un rovescio finanziario, ecc.), ma altre volte senza un motivo apparente. Se, come spesso succede, gli episodi depressivi sono più di uno, il primo episodio di solito inizia dopo un evento o situazione stressante, mentre negli episodi successivi il collegamento con un fattore scatenante può essere meno evidente o apparentemente assente. Nelle donne la depressione può comparire in alcune fasi della vita, quali il periodo post-partum o durante il periodo di transizione verso la menopausa. Alcune malattie come quelle cardio-vascolari e il cancro e alcuni effetti collaterali di alcuni farmaci possono contribuire alla sua comparsa. La depressione di solito ha anche conseguenze negative sui familiari e sulle persone che vivono accanto alla persona che ne è affetta.

La depressione comporta modificazioni biologiche, che riguardano il funzionamento del cervello, e modificazioni psicologiche, nel nostro modo di pensare e di sentire. Perciò spesso è utile combinare trattamenti medici (che agiscono sul cervello) con metodi psicologici (che insegnano ad affrontare in modo nuovo i pensieri e le emozioni) .

Cosa può fare la Mindfulness

La prospettiva della mindfulness introduce un modo profondamente diverso di porsi in relazione con la propria esperienza. È un modo per entrare in contatto con ciò che succede dentro e fuori di noi; un modo per prendersi cura del corpo e della mente, sviluppandola capacità di stare nel presente; un metodo sistematico per gestire stress, dolore e malattie, ma anche per affrontare efficacemente le sfide della vita quotidiana; una capacità intrinseca a noi esseri umani da sempre, che va semplicemente riscoperta.

Durante l’incontro, gratuito e aperto a tutti su prenotazione, che si terrà in Piazza dell’Unità 8 Roma, la dottoressa Bianca Pescatori, psicoterapeuta e presidente del Centro Italiano Studi Mindfulness offrirà alcune nozioni di mindfulness e presenterà il corso in Mindfulness Base Cognitive Therapy.

Elaborato dall’equipe (Segal, Williams, Teasdale) della clinica per la depressione di Washington diretta da Marsha Lineah, il protocollo MBCT, sottoposto a studi di efficacia, si è dimostrato valido nella prevenzione delle ricadute nella depressione.

In particolare gli studi empirici hanno dimostrato una significativa riduzione dei sintomi fisici e psicologici a lungo termine e profondi e positivi cambiamenti dell’atteggiamento, del comportamento e della percezione di se stessi, degli altri e del mondo.

Quando:
8 Gennaio 2014 – Ore 18,00 – 20,30

Dove:
Centro Italiano Studi Mindfulness
Piazza dell’Unità 8 Roma
Informazioni e prenotazioni

Dott.ssa Marika Nuti
Email:  segreteriacentromindfulness@gmail.com
tel. 3771322782

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl