“Black Tuff” il primo disco del chitarrista-compositore napoletano Antonio Allegro. Iin radio il singolo “Like a Jewel”

12/feb/2014 20:02:07 BIZCOMIT.IT Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

“BLACK TUFF” IL PRIMO DISCO DEL CHITARRISTA-COMPOSITORE NAPOLETANO ANTONIO ALLEGRO. IN RADIO IL SINGOLO “LIKE A JEWEL”

Ecco “Black Tuff”, il primo album del chitarrista-compositore Antonio Allegro, nato dopo anni di lavoro tra palco e studio. Composto da dieci tracce inedite, “Black Tuff” è un concept album, un racconto dei primi trent’anni di vita di Antonio. Un modo estremamente intimo per riassaporarne le emozioni e esorcizzarne le paure, in cui è raccolta la sua personale e più intima concezione della musica e dello strumento. Caratterizzano il disco 10 brani scritti da Antonio Allegro, composizioni create con melodie accattivanti in cui confluiscono la passionalità del rock e le mille sfumature del blues, ma soprattutto l’inevitabile influenza delle radici mediterranee che colora ogni brano del disco.

Ad accompagnare l’uscita del progetto il singolo radio “Like a Jewel”- link youtube: http://www.youtube.com/watch?v=ZsdoZ2XJWL4

“Il sogno nella mia mente è come un gioiello” recita la canzone. Sempre presente armonicamente la “sesta napoletana” con un delicato riff dettato dallo slide e un arpeggio di chitarra acustica. Il ritmo pari e l’armonia larga fanno da tappeto. Nel finale un’ apertura dall’impatto rock, con un solo che viaggia su diverse tonalità.

Altro brano rappresentativo del disco è “Violence is Cold”- link youtube: http://www.youtube.com/watch?v=QqKYAnms2Fk ;

brano diviso in tre parti. Duro, sincopato con cambi di tempo e di dinamica nella seconda parte sono continui. Una slide elettrica che fa da riff e una voce quasi rap che racconta di un teenager qualunque tentato dalla vita violenta di un quartiere ma che poi sceglie invece di sognare. (Le altre tracce : Panta Rei, Madness of metropolis, Good-Bye, Come down, I’m not here, In or out, She saved me, Punchinello’s moonlight).

L’album è disponibile per l’acquisto sul sito www.antonioallegro.com oppure in digitale su itunes e su tutti i principali store musicali.

link iTunes: https://itunes.apple.com/it/album/black-tuff/id675026510)

canale ufficiale youtube: www.youtube.com/antonioallegroguitar.

All’interno dell’opera compaiono tra i musicisti anche alcuni dei suoi colleghi e amici che con lui hanno condiviso spesso esperienze professionali e umane: Ren Palazzani, Arcangelo Nocerino, Marco Ioannilli, Antonio Rubino, Pasquale Aprile, Stefano Di Pietro. Breve bio: Musicista compositore, Antonio Allegro nasce a Napoli, città in cui vive fino all’età di 21 anni studiando chitarra classica con Paolo Termini, ascoltando e appassionandosi alla old-style music degli anni ’60-’70 (Hendrix-Deep Purple-Led Zeppelin) e al blues classico, da Robert Jonson a S.R.V, al grunge degli anni ’90 e alla musica etnico-mediterranea tipica della sua terra. Comincia a suonare in diverse formazioni della città per poi trasferirsi a Roma dove si specializza al Saint Louis College Of Music studiando strumento con Marco Manusso e Nico Stufano e armonia e arrangiamento con Carlo Mezzanotte e Marco Siniscalco e suonando, nel frattempo, in svariate formazioni musicali della capitale, per lo più di genere Rock-Blues. In seguito comincia l’attività di session man per la ISL di Napoli e la Blonde Records di Roma. Scrive colonne sonore per spettacoli teatrali e cortometraggi indipendenti. Affianca al lavoro di strumentista anche quello di didatta proponendo i suoi corsi di chitarra moderna in diverse scuole di Roma e privatamente presso il suo studio arrivando nel 2008 a realizzare il dvd didattico “Suonare nello stile di Gary Moore”, edito dalla Carish.

Febbraio 2014 – promo radio/stampa: Giovanni Germanelli www.germanelli.com – info@germanelli.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl