Tutto pronto per l'inizio della Stagione di Prosa 2006-07 della Fenice di Senigallia. Si apre il 21 e 22 ottobre con "Sei personaggi in cerca d'autore" nell'allestimento di Carlo Cecchi.

19/ott/2006 13.49.00 Ufficio Stampa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNICATO STAMPA


Tutto pronto per l’inizio della Stagione di Prosa 2006-07 del teatro La Fenice di Senigallia che si apre il 21 e 22 ottobre con “Sei personaggi in cerca d’autore” nell’allestimento di Carlo Cecchi.

La stagione di prosa 2006-7 del teatro La Fenice di Senigallia a cura dell’Assessorato alla Cultura del Comune con il contributo della Provincia di Ancona (Assessorato alla Cultura) e con la collaborazione di Amat e For.Ma, inizia il 21 e 22 ottobre con il riallestimento di uno dei più applauditi spettacoli delle passate stagioni: “Sei personaggi in cerca d’autore” di Pirandello, diretto e interpretato dal grande Carlo Cecchi. Il lavoro ha debuttato nel 2003 e riparte per il suo 4° anno di tournée proprio da Senigallia. In scena ci sono Carlo Cecchi, Paolo Graziosi, Angelica Ippolito, Antonia Truppo e poi ancora Alessandro Baldinotti, Isabella Carloni, Francesco Ferrieri, Viola Graziosi, Licia La Rosa, Francesca Leone, Riccardo Lupo, Paolo Mannina, Rino Marino, Diego Sepe. Lo spettacolo con le scene e i costumi della grande artista Titina Maselli e le luci di Paolo Manti è stato visto da 280 mila spettatori in 77 città e 295 recite.

Prodotto nel 2003 dal Teatro Stabile delle Marche, il progetto ha visto la collaborazione di Amat, Comune di Urbino (per il 150 del Teatro Sanzio) e del Mercadante Stabile di Napoli, ha ottenuto il premio degli abbonati “La maschera d’oro” 2005 a Carlo Cecchi come miglior attore. Agli Oscar italiani del teatro, gli Olimpici 2005, Paolo Graziosi è stato premiato come miglior attore e Antonia Truppo come miglior attrice esordiente. Oltre confine, lo spettacolo ha ricevuto 10 minuti di applausi a Berlino, al Berliner Ensemble tempio di Brecht. A dicembre, la tournée si chiuderà a Parigi dal 12 al 16 all’Athenée - Theatre Louis Jouvet.

A Senigallia va in scena sabato 21 ottobre alle 21.00 e domenica 22 alle 17.00.


Note di regia

[…] ho già la testa piena di nuove cose! Tante novelle… E una stranezza così triste, così triste: Sei personaggi in cerca d’autore: romanzo da fare.

[…] Sei personaggi presi in un dramma terribile, che mi vengono appresso, per esser composti in un romanzo, un’ossessione, e io che non voglio saperne, e io che dico loro che è inutile e che non m’importa di loro […] e loro che mi mostrano tutte le loro piaghe, e io che li caccio via… - e così alla fine il romanzo da fare verrà fuori fatto.

[Lettera di Pirandello al figlio Stefano del 23 luglio 1917]

Ma non fu il romanzo, fu una “commedia da fare” che venne fuori fatta: la commedia di quei sei personaggi che lo ossessionavano perché il loro dramma fosse composto in forma di romanzo e che, frustrati dal rifiuto persistente dell’autore, vanno in un teatro sperando di avere migliore fortuna.

L’arrivo dei sei personaggi in cerca d’autore sul palcoscenico di un teatro dove una compagnia sta facendo le prove e l’arrivo di Sei personaggi in cerca d’autore sui palcoscenici dei teatri di tutto il mondo, costituirono, ai suoi tempi, un fatto clamoroso. Oggi è diventato un classico del Novecento; è un titolo famosissimo, ma al solo sentirlo citare provoca, insieme al nome del suo autore, un sentimento di grande noia.

Al centro di quasi tutte le commedie annegate nel dramma, drammi annegati nella commedia, tragedie annegate nella farsa, farse annegate nella tragedia, ecc. ecc., al centro di tutti questi annegamenti pirandelliani c’è sempre, o quasi sempre, una famiglia.

Qui di famiglie ce ne sono due; due famiglie ma, una mamma sola. La prima famiglia è costituita dal Padre e dal Figlio, essendosene la Madre andata via con un altro uomo. La seconda famiglia è costituita dalla Madre, presentemente vedova poiché l’altro uomo, nel frattempo, è morto; e dai figli avuti da costui: la Figliastra, il Giovinetto, la Bambina.

Le due famiglie si sono riunite in seguito ad un fatto piuttosto scabroso: il Padre stava lì lì per scoparsi la  Figliastra in una casa d’appuntamenti travestita da sartoria di lusso per Signora, di cui il padre era cliente; non per i vestiti, beninteso, ma per le ragazzine; e fra queste, appunto, un giorno gli capitò la Figliastra. L’arrivo inopinato della Madre evitò lo svolgersi del fattaccio.

Dopo la riunione in casa del Padre, la vita in famiglia delle due famiglie è quanto di più difficile e tormentato: odi disprezzi strazi sdegni ricatti vendette fra padre madre figlio figliastri fratelli fratellastri sorellastre; mancano, purtroppo, suoceri e cognati.

Il ritratto che ne viene fuori potrebbe essere atroce se Pirandello, come sempre fa, non annegasse quell’inferno d’irrealtà e d’imbecillità borghese nell’aura dolciastra del dibattito pseudo-filosofico e pseudo-estetico. E la trama nera dei suoi canovacci - così esemplarmente italiani - continua, da quasi un secolo, ad essere nascosta sotto la maschera del conflitto fra finzione e realtà, uno nessuno e centomila, vita che cangia e forma che non cangia.

(Carlo Cecchi)

 

Prevendita

La prevendita dei biglietti per la stagione di prosa 2006-07 del teatro è aperta. È possibile acquistarli alla biglietteria del teatro in via Battisti 19 tutti i giorni dalle 17 alle 20.30. Il giorno stesso dello spettacolo dalle 17 per le rappresentazioni serali con inizio alle 21; dalle 14 per le repliche pomeridiane con inizio alle 17. Il telefono della biglietteria è 071.7930842, quello del teatro 071.7929509, quello dell’assessorato alla cultura infine è 071.6629350. Info fenicesenigallia.it o beni.culturali@comune.senigallia.an.it

 

Prezzi

Il prezzo del biglietto dipende dal settore e dall’eventuale opzione carnet scelta dallo spettatore.

Un intero di 1° settore costa 23 euro, con possibilità di riduzione a 18 euro per età inferiore ai 25 anni e sopra i 65, oltre che presentando tessera universitaria. Il carnet per 7 ingressi riduce ulteriormente il costo del singolo biglietto a 15 euro, per un costo complessivo di 105 euro. Il carnet per 5 ingressi porta il biglietto a 16,50 euro per un costo complessivo di 82,50 euro. Infine il carnet per 3 ingressi costa complessivamente 54 euro, ovvero 18 euro a spettacolo. Un intero di 2° settore costa 20 euro con riduzione a 15 per età inferiore a 25 e superiore a 65, oltre che presentando la tessera universitaria. Il carnet da 7 ingressi costa 87,50 euro (singolo spettacolo a 12,50). Il carnet per 5 ingressi porta il biglietto a 13,50 euro per un costo complessivo di 67,50 euro. Infine il carnet per 3 ingressi costa 45 euro per un costo di 15 euro a singolo biglietto. Per il 3° settore prezzo unico di 13 euro. Sono inoltre previste promozioni e agevolazioni per gruppi, associazioni e scuole telefonando allo 393.9567505. Possibilità di acquisto online e di carnet a prezzo ridotto per 7, 5 o 3 ingressi a scelta. Info fenicesenigallia.it, amat.marche.it o 071.7930842

 

La stagione

Il cartellone della prosa 2006-07 del teatro La Fenice di Senigallia si apre sabato 21 ottobre alle 21 con replica domenica 22 alle 17. In scena, “Sei Personaggi in cerca d’autore” di Pirandello nella regia di Carlo Cecchi. Domenica 5 novembre alle 17 il palco ospita Michael Nyman Band con un programma dedicato alle “Musiche da film”. Domenica 12 alle 17 il comico David Anzalone in “Targato H” diretto da Alessandro Castriota. Giovedì 23 novembre, la stagione di Senigallia propone Moni Ovadia in “Le storie del signor Keuner” di Bertolt Brecht. Venerdì 8 e sabato 9 dicembre, arriva “Memorie dal sottosuolo” diretto e interpretato da Gabriele Lavia. Per l’atmosfera di natale, giovedì 28 il palcoscenico della Fenice si lascia sfiorare dalle punte del Russian State Ballet of Siberia nel classico del balletto “Schiaccianoci” con le musiche di Tchaikovsky e le coreografie di Ivanov e Bobrov. La stagione riprende sabato 10 febbraio con la carismatica Francesca Reggiani in “Controtempo” di Christian Simeon diretta da Gabriele Vacis. Altro carisma di parola e teatro civile per Marco Paolini che venerdì 23 febbraio arriva affiancato da I Mercanti di Liquore in “Miserabili. Io e Margaret Thatcher”. Sabato 3 e domenica 4 marzo, le sperimentazioni di Jan Fabre con “Angel of Death”. Doppia replica alle 16 e alle 18 domenica 11 marzo per il “Buchettino” della Socìetas Raffello Sanzio.

 

Ufficio Stampa

Alessandro Piccinini Comunicazione

338.4169263 - 071.7922244

ACCREDITI STAMPA

Gloria Gasparrini 339.6829791

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl