Fondazione Renato Piatti: contributo stanziato da Fondazione Cariplo per il progetto La Nuova Brunella

02/apr/2014 16:31:59 BIZCOMIT.IT Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il progetto di riqualificazione in chiave sociale dell’immobile già sede del seminario dei Frati Minori Francescani alla Brunella è stato scelto nell’ambito del piano degli interventi emblematici di Fondazione Cariplo, riservato per il 2013 alle province di Varese e di Como. Il Centro per le Disabilità e la Famiglia si chiamerà “La Nuova Brunella”, nel segno di un rinnovamento nel solco della continuità con lo spirito solidale che ha nel luogo radici profonde. Un bene che rimane alla città di Varese e che rappresenterà una risorsa innovativa per tutte le famiglie del territorio.

Varese, 2 aprile 2014 – Il progetto di nuovo Centro multiservizi per le Disabilità e la Famiglia, presentato da Fondazione Renato Piatti Onlus lo scorso novembre a Fondazione Cariplo nell’ambito del piano degli interventi emblematici riservato per il 2013 ai territori di Varese e di Como, è stato selezionato dalla Fondazione erogativa lombarda, che ha stanziato a suo favore un contributo di 1.200.000 euro. Lo ha reso noto la stessa Fondazione Cariplo ieri, al termine della seduta del Consiglio di Amministrazione che ha deliberato in materia.

Il Centro per le Disabilità e la Famiglia si chiamerà “La Nuova Brunella”, nel segno di un rinnovamento nel solco della continuità con lo spirito solidale che ha nel luogo radici profonde. Avrà infatti sede nello stabile di via Crispi 4 precedentemente occupato dall’Ordine dei Frati Minori, da molti anni crocevia di attività di sostegno ai soggetti più fragili della comunità.

“La notizia dell’importante contributo stanziato da Fondazione Cariplo per il nostro progetto de “La Nuova Brunella” ci riempie di grande soddisfazione”, afferma Cesarina Del Vecchio, Presidente di Fondazione Renato Piatti onlus. “Siamo ovviamente molto grati a Fondazione Cariplo: è un risultato che conferma la bontà e la serietà della nostra proposta progettuale, il cui intendimento è quello di dare vita a una risorsa innovativa nella rete dei servizi alla persona, in grado di rispondere ai bisogni delle famiglie della città di Varese e di tutto il territorio provinciale. La centralità del nucleo familiare è peraltro nel nostro DNA: Fondazione Piatti ha infatti  le sue radici in Anffas (Associazione Nazionale Famiglie di persone con disabilità intellettiva e/o relazionale), che promuove con forza il sostegno e l’accompagnamento alla famiglia”.

“Al senso di soddisfazione se ne aggiunge un altro”, sottolinea Cesarina Del Vecchio, “quello di una grande responsabilità nei confronti della comunità varesina e di tutta la provincia per la realizzazione efficace ed efficiente del progetto e la gestione dei finanziamenti concessi, che  coprono una quota rilevante dei capitali necessari. Non possiamo e non vogliamo sederci sugli allori: saranno anni di grande lavoro, sia per raccogliere nuovi fondi, indispensabili a completare tutti gli investimenti previsti, e portare a compimento la realizzazione, sia per aggregare la cittadinanza e i vari portatori di interesse intorno a un progetto che andrà a beneficio di tutti, direttamente o indirettamente”.

Il nuovo Centro, che si avvarrà della collaborazione della Fondazione Istituto “La Casa” di Varese, di Anffas onlus di Varese e dell’Associazione Sportiva ASA Varese nonché della partecipazione di ASL Varese attraverso la sua Direzione Sociale, riunirà in un solo luogo la clinica, la riabilitazione precoce, la residenzialità, la formazione, la ricerca, la sperimentazione scientifico-sociale nonché l’ascolto e l’accompagnamento delle famiglie. Una struttura multifunzionale che, interpretando in chiave evolutiva il Piano Regionale di Sviluppo della X^ Legislatura, potrà porsi come “sportello unico di welfare” e avrà “un orientamento mirato alla presa in carico della famiglia in modo complessivo, specie nelle situazioni di criticità (disabilità, non autosufficienza, povertà, ecc.)”.

Le aree dedicate saranno le seguenti:

  1. unità di offerta sanitaria riabilitativa di NPIA per minori con autismo e disturbi pervasivi dello sviluppo (DPS);
  2. unità di offerta residenziale temporanea e/o permanente per adulti con disabilità (Comunità Alloggio);
  3. sedi sociali di Fondazione Piatti, ANFFAS Varese e Associazione Sportiva ASA Varese;
  4. Centro per la famiglia in collaborazione con il Consultorio Fondazione Istituto La Casa. Resterà invariata l’ubicazione e l’attività dell’attuale consultorio familiare accreditato della Fondazione Istituto la Casa.

A proposito di Fondazione Piatti

Fondazione Renato Piatti Onlus è stata costituita nel 1999 a Varese per volontà di alcuni soci della locale Anffas (Associazione Nazionale Famiglie di persone con disabilità intellettiva e/o relazionale) allo scopo di progettare, realizzare e gestire servizi a favore delle persone con disabilità intellettiva e relazionale e delle loro famiglie. Gestisce 14 centri nelle province di Varese e Milano, nei quali si prende cura di 350 persone, grazie all’impegno di 350 tra operatori e volontari.

Per maggiori informazioni:
Fondazione Renato Piatti Onlus – www.fondazionepiatti.it
Maurizio Ferrari
Responsabile Comunicazione e Fund Raising – Tel. 0332 833911 – Email maurizioferrari@fondazionepiatti.it

Chiara Locorotondo
Ufficio Comunicazione e Fund Raising – Tel. 0332 833911 – Email chiaralocorotondo@fondazionepiatti.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl