Chiesa gremita, applausi continui. Entusiasmante inizio per il 6° Festival Internazionale Organistico di Senigallia

06/lug/2007 15.30.00 Ufficio Stampa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNICATO STAMPA

 

Chiesa gremita, applausi continui. Entusiasmante inizio per il 6° Festival Internazionale Organistico di Senigallia, ogni giovedì nella chiesa di Santa Maria della Neve dal 5 luglio al 23 agosto 2007. Prossimo appuntamento il 12 luglio con Paul De Mayer e la voce recitante di Lucia Ferrati per “Improvvisazioni organistiche  su melodie di Ildegarda”. Ingresso libero.    

 

Chiesa gremita e entusiasta per il concerto inaugurale del Festival Internazionale Organistico di Senigallia 2007. La massiccia partecipazione di pubblico giovedì sera (5 luglio) nella chiesa del Portone di Senigallia ha piacevolmente sorpreso gli organizzatori e gli artisti. Abituati a registrare questo tipo di adesione negli appuntamenti centrali, quest’anno la risposta del pubblico è stata invece immediata. Il debutto della 6° edizione era segnato da una accattivante novità per il Festival, ovvero l’incontro tra organo e un altro strumento, in questo caso la tromba naturale, antenato della moderna tromba. Un duo insolito e affascinante che è stato premiato dall’ascolto attento e dagli applausi continui di un pubblico giovane, interessato e avviato allo studio della musica. Posizionati in cantoria, Giulio Mercati all’organo e Jonathan Pia alla tromba naturale hanno proposto un programma bello e vario, con varietà di stili e di epoche. Dalla scuola antica di Gabrielli con la Sonata per tromba e organo, al riadattamento dell’Adagio di Verdi per tromba e organo e una Fantasia sul «Nabucco». Bella la Suite Per tromba e organo di Jeremiah Clarke. Sperimentale e suggestivo anche il riadattamento di una composizione di Padre Davide da Bergamo. Di solito eseguita solo dall’organo, giovedì sera il duo l’ha invece proposta eseguendo la linea melodica con la tromba naturale e l’accompagnamento con l’organo. Molto apprezzati entrambi gli esecutori, in particolare il lavoro timbrico dell’organista su Musette di Ibert raramente eseguito e il suono naturalissimo della tromba suonata da Pia. <La tromba naturale - ha confermato soddisfatta la direttrice artistica Federica Iannella - è strumento molto difficile da suonare, uno strumento che non perdona. Il Maestro Pia ha saputo suonarla con precisione e suoni particolarmente belli. L’equilibrio tra i due strumenti, organo e tromba naturale, si è rivelato molto suggestivo>. Alle 22.45, il pubblico non aveva ancora smesso di applaudire i due esecutori che nel programma hanno inserito anche classici come Brahms e Bach. Particolarmente apprezzato il piglio con crescendo finale del Preludio e fuga in sol di Brahms per solo organo. Immancabile la Passacaglia in do BWV 582 di Johann Sebastian Bach in cui moltissimi organisti si cimentano. Il Maestro Mercati (tra l’altro direttore artistico del Festival Organistico Lauretano) ne ha proposto una versione meno ostinata e più intimista, ispirata da una scelta di estetica romantica. La formazione in duo per organo e un altro strumento sarà riproposta anche nel secondo concerto del Festival, atteso il prossimo giovedì 12 luglio alle 21.15 nella chiesa di Santa Maria della Neve (del Portone). L’organo Pinchi accoglierà l’organista belga Paul De Mayer e la voce recitante di Lucia Ferrati per “Improvvisazioni organistiche su melodie di Ildegarda”. Un insolito incontro tra melodia e parole di una figura straordinaria come quella di Hildegard von Bingen, che riecheggerà nella chiesa attraverso l’improvvisazione di un organo e la voce umana.

 

L’organo Pinchi

L’organo Pinchi opus 422 è stato realizzato nel 2002 dalla ditta di Foligno espressamente per la chiesa di Santa Maria della Neve e le esigenze timbriche dello spazio, in riferimento all’esecuzione concertistica. È considerato uno dei più significativi strumenti dell’arte organaria italiana attuale.

 

Il Festival Internazionale Organistico “Città di Senigallia”

Arrivato alla sua 6° edizione, il Festival torna a proporre appuntamenti ispirati da e dedicati a uno degli strumenti più imponenti e sacri della musica antica e contemporanea: l’organo. Il cartellone a cura del Maestro Federica Iannella e promosso dalla Fondazione Uccellini-Amurri che si è costituita di recente appositamente, prevede appuntamenti ogni giovedì, dal 5 luglio fino al 23 agosto. L’ingresso è gratuito.

Il prossimo appuntamento è per giovedì 12 luglio con all'organo: Paul De Mayer (Gent) Improvvisazioni organistiche  su melodie di  Ildegarda. Voce recitante: Lucia Ferrati “Io, misera creatura e più che misera perché  porto il nome di donna” Ildegarda di Bingen, dagli scritti.

 

Festival Internazionale Organistico città di Senigallia

Ufficio Stampa

Alessandro Piccinini Comunicazione

info@alessandropiccinini.it

338.4169263 - 071.7922244

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl