Venerdì 20 giugno Musica e improvvisazioni d'autore con David Riondino

Venerdì 20 giugno Musica e improvvisazioni d'autore con David Riondino - COMUNICATO STAMPA - MUSICAE IMPROVVISAZIONI D'AUTORE CON DAVID RIONDINO "MUSICAIN CASTELLO VI ED" VENERDI' 20 GIUGNO 2008, A POLESINE PARMENSE.

02/mag/2008 15.30.00 Francesca Maffini - Ufficio Stampa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

-       COMUNICATO STAMPA

 

MUSICAE IMPROVVISAZIONI D’AUTORE CON DAVID RIONDINO

“MUSICAIN CASTELLO VI ED” VENERDI’ 20 GIUGNO 2008, A POLESINE PARMENSE. INCONTROCON UN COMICO, UN POETA, UN ARTISTA…

 

POLESINE PARMENSE (Parma) - Lui è unmaestro dell’improvvisazione. Cantautore, scrittore, comico, poetatoscano…musicista, poliedrico, versatile, in continua esplorazione dilinguaggi e generi, tanto da accettare l’invito sul palcoscenico dellasesta edizione di “Musica in Castello” dove proporrà “sestesso” nell’incontro con il pubblico. David Riondino -artisticamente nato con la generazione dei cantautori degli anni Settanta eoggi mattatore in teatro come al cinema e in televisione - venerdì 20 giugnoalle 21,30 incontra gli spettatori in piazza Balestrieri, nella bassa aPolesine Parmense, in un appuntamento “unico”. Enrico Grignaffinidirettore artistico della kermesse insieme al maestro Giovanni Lippi creerannouno “spazio Riondino” in cui l’artista potrà integrare emiscelare generi e forme di espressione, dalla poesia alla satira, dalla musicaalla letteratura, dall’inconsueto al tradizionale, in un linguaggio cheil poeta chiama “la perfetta commistione tra musica, scrittura edisegno” lungo un percorso aperto a esplorare quasi tutte le forme dicomunicazione.

Il suo primo album risale al 1979 etra il dicembre 1978 e il gennaio 1979 ha l'occasione unica di aprire iconcerti nella tournée di Fabrizio De Andrè con la Premiata Forneria Marconi.L'anno successivo esce il secondo disco Boulevard, ma accanto alla passione perla musica, emerge un talento notevole per l'improvvisazione di ogni genere dispettacolo (aiutato dalla parlantina) che lo porta al debutto come comico alteatro Zelig di Milano a soli 22 anni.

Ancora poco più che ventenne è tra ifondatori, con la sorella Chiara, del Collettivo Victor Jara, ecletticacooperativa di teatro-musica-animazione.

Come verseggiatore satiricocollabora con numerose riviste storiche di satira e controcultura, più o menogoliardiche: "Tango", "Il Male", "Cuore", "Comix".In un intervista definisce l'intellettuale: "una persona fisica, checomunica, che partecipa, che sa trasformare la sua esperienza in qualcosa cheserva anche agli altri, che non trasforma il sapere in potere, che ha un'ideasentimentale del comunicare ed è alla ricerca di un nuovo linguaggio". Edè in quest'ottica che Riondino trasforma e fa evolvere la propria attività,senza lasciare intentata nessuna via, né, per quanto possibile, ripeterla.

È negli anni Ottanta l'incontro conil cinema, dalla breve apparizione in Maledetti vi amerò, film d'esordio diMarco Tullio Giordana. Debutta poi in televisione nel 1987, collaborandodapprima con Lupo solitario e poi negli anni successivi con Fuori orario,Aperto per ferie, L'araba fenice, fino ai più recenti Maurizio Costanzo Show(brillanti improvvisazioni di canzoni e storie come Joao Mesquinho, cantautorebrasiliano), Quelli che il calcio e Bulldozer.

Romanzo picaresco è il titolodell'opera del suo debutto a teatro, nel 1989, cui seguono a ruota Chiamatemi Kowalskie La commedia da due lire, entrambe realizzate con Paolo Rossi.

L'attività a teatro diventa semprepiù centrale nel corso degli anni novanta. Nella stagione teatrale '93/'94 è inscena con O patria mia, diretto da Giuseppe Bertolucci, accanto a Sabina Guzzanti.Nel 1996 debutta Solo con un piazzato bianco, recital di e con David Riondino.

Sempre nel 1997 inizia il sodaliziocon Dario Vergassola, Debutta alla regia cinematografica nel 1997 con Cubalibre - Velocipedi ai tropici.

 

In caso di maltempo, lo spettacolosi svolge nella Scuola Pastelle di Polesine.“Musica in Castello VIed” - giunta alla sesta edizione, propone appuntamenti culturali fino al30 agosto nel parmense sempre alle 21.30 in rocche, cortili di antichi casali,giardini di ville d’epoca, sagrati di pievi, corti d’onore disuggestivi castelli. Tutti gli eventi sono a ingresso libero.

La rassegna è ideata e diretta dalmaestro Giovanni Lippi in collaborazione con Enrico Grignaffini e PiccolaOrchestra Italiana. Coinvolge 11 Comuni: Fontanellato capofila, Fontevivo, SanSecondo Parmense, Polesine Parmense, Soragna, Busseto, Salsomaggiore Terme, Sissa,Fidenza, Felino, Roccabianca.

 “Musica in Castello VIed” è inserita nel palinsesto di eventi provinciale “Estatefuoricittà” realizzato dallaProvincia di Parma e collabora con “ErmoColle2008” e “Iconcerti della via Lattea” per due eventi realizzati in sinergia.

 

Per informazionisulla rassegna:

 

Ufficio StampaMusica in Castello VI ed.

Dott.ssa Francesca Maffini

Mail 1: ufficio.stampa@comune.fontanellato.pr.it.

Mail 2 : frmaffini@interfree.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl