Festa sui pascoli con le pecore da Montebore, le famiglie adottive si riuniscono. 6-7-2008

27/giu/2008 17.10.00 Andrea Musso Comunicazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Festa del Montébore: le famiglie adottive conoscono le pecore che hanno adottato… ci sarà
Gino Paoli?

Il 6 giugno si festeggia sui pascoli della Val Borbera a colazione, visitando il
caseificio Vallenostra e mangiando presso l'agriturismo. Si ritira poi il "cesto qualità"
prenotato con il Montébore, altri formaggi pregiati, il Timorasso, salumi arigianali e
tanti altri prodotti della cooperativa agricola.

Gino Paoli quest'anno è stato il primo "papà" vip delle pecore da Montébore, non si sa se
ritirerà il suo pacco con tutti gli altri amici adottanti o preferirà magari passare in
occasione del suo concerto, ad agosto, durante il festival Jazz dell'Outlet di Serravalle Scrivia.
In ogni caso Roberto e Agata, dell'azienda agricola Vallenostra (unico presidio Slow Food
per la produzione del formaggio Montébore) attenderanno comunque Gino Paoli, il cantautore
genovese famoso non solamente per la sua ineguagliabile musica ma anche come gourmet,
insieme alla sua pecora e la sua musica.

La festa è aperta a tutti prenotando per tempo o adottando una delle ultime pecore
disponibili. Sarà possibile far visita alle pecore libere nel pascolo dell'azienda
agricola, vedere dove avviene preparazione del formaggio, conoscere le mucche da latte: un
breve viaggio, poco lontano dalla città ma lontanissimo nel tempo, la riscoperta di una
tradizione contadina autoctona che abbiamo rischiato di smarrire per sempre. L'aria fresca
in alta valle stimola l'appetito e rasserena lo spirito, un buon motivo per tutti gli
accaldati cittadini che vogliono evadere dai centri urbani e scoprire che il "vero"
Montébore realizzato secondo il disciplinare Slow Food non si trova al supermercato e ha
il sigillo di garanzia.

Gli amici del Montébore sanno che l'adozione ha la doppia valenza di riservare alla
famiglia adottiva una parte della rarissima produzione del Montébore (che è, lo
ricordiamo, il formaggio più raro del mondo, prodotto nella sua versione riconosciuta e
“originale” unicamente nel caseificio della Cooperativa Vallenostra di Mongiardino Ligure
e tutelato da un rigoroso disciplinare) ma anche di testimoniare l’amore e la confidenza
degli italiani per le eccellenze artigianali nazionali.
La campagna "AAA. pecora da Montébore cerca famiglia adottiva pari requisiti…" resta
aperta e, con soli 100 euro all'anno, potrete aderire on-line tramite il sito
www.vallenostra.it (è prevista anche la spedizione dei pacchi di prodotti per chi non può
ritirarli personalmente).

Il Montébore è un sopravvissuto, parla del passato, ha lottato per non conoscere
l'estinzione, per non sparire dal mondo del gusto e della qualità. Merita rispetto, chiede consapevolezza.

Per informazioni:
Vallenostra Agriturismo e Caseificio, Soc. Cooperativa Agricola
Cascina Valle 1, Mongiardino Ligure (AL) Italia
telefono e fax +39 0143 94131
info@vallenostra.it

http://www.vallenostra.it/press/adozione_pecora_rgb_10.JPG
http://www.vallenostra.it/press/bimbo_pecora_rgb_10.JPG
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl