4 febbraio festa madonna del fuoco a roma

Permettetemi alcune brevi e veloci riflessioni sulla Madonna, sulla mia devozione, convinta, che mi lega sin dalla nascita,anzi, a dire il vero, sin prima della nascita&

04/feb/2004 15.04.17 Utente Non Registrato Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


ALLA B.V. DEL FUOCO

Permettetemi alcune brevi e veloci riflessioni sulla Madonna , sulla mia devozione, convinta, che mi lega sin dalla nascita,anzi, a dire il vero, sin prima della nascita…
Mia madre infatti, mi raccontava, che pregò a lungo e con molta devozione quando nel 1941 era in attesa della mia nascita… Lei non era più giovane ma tutto andò molto bene quel 19 novembre che vidi la luce, in casa, al
Numero 10 di Corso Diaz a Forlì.
Una devozione per la Madonna legata principalmente ad alcune immagini : quella di San Luca, quella B.V. del Fuoco, quella dell’Immacolata Concezione
e più recentemente alla Madonna delle Grazie.
I motivi e i ricordi sono tanti, ma anche , le ^grazie e i miracoli^ che ho ottenuto nella mia vita avventurosa e difficile.
Non ci credete ? Tutte storie ?
Lasciate che ve ne racconti alcune e poi giudicherete :

· il 5 marzo 1996 un disastroso incendio a Magliano Sabina, sulla via Flaminia , distrusse due magazzini, ma rimasero intatti ^miracolosamente^ gli archivi ,con fototeca e cineteca del M.I.C.S. dove, tra l’altro, era esposta e onorata una immagine della B.V. DEL FUOCO. Tracce del fumo e delle fiamme sono ancora visibili in un supporto di legno che espone la sacra immagine…
· Successivamente ottenni a Roma, per la prima volta, dopo tanti anni di ricerche e di richieste accorate, una prima collocazione degli archivi e poi, una più vasta area di circa 1500 mq. che ha permesso l’apertura al pubblico del grande museo…
· Sono riuscito a realizzare questo grande Museo ( e credo proprio con l’Aiuto Divino e della Madonna ) da solo, senza lira, con difficoltà enormi che mi hanno tormentato in continuazione per tanti anni e ancora, purtroppo, continuano…
· Mi è capitato di tutto, nel corso di questi anni ( dal 1959 quando arrivai a Parigi,ragazzetto con sole 500 lire in tasca… )
Mi sembra incredibile:dall’incendio, al crollo totale del soffitto, dall’invasione dei topi e dei ratti , agli allagamenti, agli sfratti, ai sequestri, alle multe, ai traslochi da una parte all’altra dell’Italia… credo siano stati quasi una ventina e ancora non sono finiti…
· Fatiche, fame, disperazione, rabbia, delusioni ,amarezze, umiliazioni… ma anche tante, tantissime soddisfazioni, tanti elogi, tanti onori , tanto, tanto di più di quello che avrei mai immaginato e meritato… Adesso il M.I.C.S. – MUSEO ^JOSE’ PANTIERI^ DEL CINEMA E DELLO SPETTACOLO è una grande realtà , bella o brutta, volere o non volere è visibile, concreta,unica nel suo genere e spero possa continuare a svilupparsi e a migliorare: che possa sempre servire a qualche cosa di buono e di utile…

DUNQUE, ALLORA, TUTTO QUESTO NON E’ STATO UN MIRACOLO ?

Credo proprio di si.
Per questo esorto tutti a pregare la Madonna, pregare intensamente, costantemente. Pregare e dialogare, come un figlio con la madre. Una madre che ascolta e che ci aiuta, sempre, come ha aiutato tanti esseri umani con tanti limiti e tanti difetti, come il sottoscritto. Grazie dunque .
Vostro
Devotissimo nel Signore Josè Pantieri


*******************************************************************
Abbiamo il piacere d’invitare la S.V. alla
FESTA DELLA MADONNA DEL FUOCO
************************************
mercoledì 4 febbraio alle ore 16 in
Via Portuense 101 a Roma .
In attesa di cortese riscontro per la prenotazione dei posti limitati ci è gradita l’occasione per inviare i migliori saluti
M.I.C.S.
MUSEO JOSE’ PANTIERI DEL CINEMA E DELLO
SPETTACOLO di ROMA

*******************************************************
Il M.I.C.S. – MUSEO ^JOSE’ PANTIERI ^ DEL CINEMA E DELLO SPETTACOLO ---------------------------------------------------------------------------
************************************************************
* DEFINITO ^di grandissimo valore storico ^ con DECRETO DEL 9-7-2003 ( Soprintendenza Beni Culturali dello Stato Italiano )
* RICONOSCIUTO UFFICIALMENTE CON DECRETO DELLA REGIONE LAZIO del 1-8-2003 n.373
*DICHIARATO UFFICIALMENTE ^ DI GRANDE INTERESSE ED INDISCUTIBILE VALORE ^ DALLA GIUNTA DEL COMUNE DI ROMA – Delibera del 20-10-2000 n° 1124-
ooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo
Via Portuense 101 (Porta Portese ) tel 063700266 e-mail ^ mics@email.it ^
OOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO
PROMUOVE ED ORGANIZZA LA

FESTA DELLA MADONNA DEL FUOCO

(protettrice del MICS e di tutti gli archivi visivi e sonori )

A ROMA MERCOLEDI’ 4 FEBBRAIO A PARTIRE DALLE ORE 16
IN VIA PORTUENSE 101
Con il seguente programma:
· ore 16 RECITA DEL S. ROSARIO
· ore 16,30 proiezione gratuita del film ^ INTOLLERANCE^ (USA 1916 )
di D.W. Griffith
· ore 17 visita guidata al grande Museo

Ingresso libero – posti limitati – prenotazione obbligatoria

IL M.I.C.S. INVITA CON PARTICOLARE SIMPATIA TUTTI I CATTOLICI PER UNIRE LE FORZE NELL’IMPEGNO CULTURALE E SOCIALE
E-MAIL ^ cinespetta@eticare.it^ tel 063700266



Note storiche sulla B.V. DEL FUOCO
Il 4 febbraio del 1428 un disastroso incendio in una scuola di Forlì distrusse tutto ma restò intatta l’immagine della Madonna del Fuoco, una xilografia stampata su carta comune posta su una tavola di legno.
Pertanto ogni anno il 4 febbraio si celebra la festa della B.V. DEL FUOCO a Forlì ( eletta Patrona della città) e in altre località.
* * *
Il 5 marzo 1996 , analogamente, un altro incendio a Magliano Sabina, sulla Via Flaminia, distrusse due magazzini, ma rimasero intatti ^miracolosamente^ gli archivi ,con fototeca e cineteca del M.I.C.S. dove, tra l’altro, era esposta e onorata una immagine della B.V. DEL FUOCO. Tracce del fumo e delle fiamme sono ancora visibili in un supporto di legno che espone la sacra immagine.
Pertanto il M.I.C.S.- MUSEO JOSE’ PANTIERI DEL CINEMA E DELLO SPETTACOLO , ha eletto ufficialmente la Madonna del Fuoco sua protettrice e la F.I.A.I.S. – FEDERAZIONE INTERNAZIONALE DEGLI ARCHIVI DELLE IMMAGINI E DEI SUONI ha esteso , tale decisione , a tutti gli archivi delle immagini e dei suoni ( foto, film, manifesti, dischi, registrazioni ecc. ).
L’immagine viene onorata nei luoghi più importanti del M.I.C.S. e festeggiata il 4 febbraio di ogni anno ma anche il 5 marzo.

Il Museo Internazionale del Cinema e dello Spettacolo: un patrimonio da salvare
******************************************************************
Articolo di Francesco Cicerone pubblicato su ^ PROMETHEUS^ n.38 anni II dell’11-11-2002-

Un tesoro unico e straordinario, d'inestimabile valore, riconosciuto e stimato nel mondo, considerato rara memoria storica e collettiva: è il preziosissimo patrimonio che custodisce il Museo Internazionale del Cinema e dello Spettacolo (M.I.C.S.), fondato nel 1959. Frutto dell'iniziativa dello storico, filosofo e idealista "puro", Josè Pantieri, questa istituzione culturale è ora, dopo ben quarant'anni (finalmente), visitabile ed aperta alla collettività grazie anche alla struttura di ben 1500 mq, in via Portuense 101 (a Porta Portese) nel centro della capitale. Tutto bene direte. Non è proprio così. Raggiunta una certa stabilità, dopo mille e più sacrifici di singoli privati, invece il MICS rischia di morire per cause che appaiono poco chiare e per nulla condivisibili. Il Comune di Roma, spesso sensibile alla cultura, ha invece - in questo caso - svenduto ad una società immobiliare, l'enorme complesso di Via Portuense-Via Bettoni. Quest'atto dovrebbe determinare il trasloc
o dell'intera struttura e dell'inestimabile ricchezza: e l'intimazione di sgombero ("avverrà anche con la forza, se necessario", si legge nell'ordinanza) non si è fatta certo attendere. La comunicazione è pervenuta al Museo, il 5 luglio 2002. Da allora nessuno s'è premurato di fornire valide sedi alternative (non è certo tale quella proposta dal comune, dell'ex autoparco dei vigili, infestato dall'amianto) e non si è mai preso in considerazione, seriamente, il fatto che non si tratterebbe di un semplice trasloco o di semplici suppellettili. Un trasferimento della struttura insomma potrebbe determinare danni irreparabili e renderebbe impossibile - forse per anni - la fruizione di questo singolare ed importante ambiente e della sua immensa memoria storica. Oltre a cineprese, proiettori, cimeli e costumi d'epoca, il museo ospita una cineteca con cinquemila film rari del periodo del "muto", un emeroteca, una fototeca (due milioni di foto) con dagherrotipi dal 1950, una bibliot
eca. Ma anche reperti teatrali, oggetti del circo, di musica, della r
adio.(..)
e-mail ^ cinespetta@eticare.it^ tel 063700266

*****


**************


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl