BELLANO LIRICA (LC): IL TENORE DRAMMATICO FRANCESCO MEDDA SALE SUL PALCO

BELLANO LIRICA (LC): IL TENORE DRAMMATICO FRANCESCO MEDDA SALE SUL PALCO BELLANO LIRICA (LC): IL TENORE DRAMMATICO FRANCESCO MEDDA SALE SUL PALCO DEL GRAN GALA' DEDICATO AL MAESTRO LUCIANO PAVAROTTI, SABATO 23 AGOSTO 2008 C'E' ATTESA TRA I MELOMANI PER L'ESIBIZIONE DEL MAESTRO MEDDA Il tenore Medda così ricorda Pavarotti: "La sua popolarità ha riavvicinato tanti al mondo della lirica, incuriositi dalla sua presenza tanti hanno acquistato un biglietto per sentire cosa fosse l'Opera e hanno rispolverato i palchi ridando vita a un pubblico che ora segue di nuovo il melodramma" - Comunicato Stampa - Lecco - Un nome di spicco emergente nel palmares lirico nazionale si esibisce sul palcoscenico di Bellano nel "Gran galà lirico sinfonico: omaggio al maestro Pavarotti" in carnet sabato 23 agosto alle 20.45 all'ex Cotonifico Cantoni a Bellano (Lecco).

21/ago/2008 15.40.09 Francesca Maffini - Ufficio Stampa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

BELLANO LIRICA (LC): IL TENORE DRAMMATICO FRANCESCO MEDDA SALE SUL PALCO DEL GRAN GALA’ DEDICATO AL MAESTRO LUCIANO PAVAROTTI, SABATO 23 AGOSTO 2008

C’E’ ATTESA TRA I MELOMANI PER L’ESIBIZIONE DEL MAESTRO MEDDA

Il tenore Medda così ricorda Pavarotti: “La sua popolarità ha riavvicinato tanti al mondo della lirica, incuriositi dalla sua presenza tanti hanno acquistato un biglietto per sentire cosa fosse l’Opera e hanno rispolverato i palchi ridando vita a un pubblico che ora segue di nuovo il melodramma”

 

- Comunicato Stampa -

 

Lecco - Un nome di spicco emergente nel palmares lirico nazionale si esibisce sul palcoscenico di Bellano nel “Gran galà lirico sinfonico: omaggio al maestro Pavarotti” in carnet sabato 23 agosto alle 20.45 all'ex Cotonifico Cantoni a Bellano (Lecco).

C’è attesa tra i melomani del nord Italia per ascoltare la voce brunita del tenore drammatico Francesco Medda, artista di grande personalità che vanta tre ottave di estensione. L’artista è fiore all’occhiello nel cast dell’evento in programma nella quarta edizione della rassegna “Bellano Lirica” organizzata e curata dal maestro Roberto Gianola, direttore d'orchestra e assessore alla Cultura del Comune di Bellano.

Il tenore sardo Francesco Medda è reduce dal grande successo di pubblico e critica ottenuto in Toscana e Lazio dove ha interpretato un passionale Don Josè nella Carmen estiva musicata da Iko Orchestra in coppia con la sensuale soprano Claudia Marchi. Ovazioni anche sul palcoscenico della rassegna lirica di Fontanellato (Pr) dove ha dato prova di eccellente versatilità e perfetta interpretazione della parte nell’operetta La Vedova Allegra.

La critica ha spesso sottolineato la passione che emerge nella voce del tenore abbinata alla perfetta dicitura del verso, che rende comprensibile il fraseggio scandito anche sotto il profilo contenutistico. Medda è nome di prestigio amato dagli appassionati del melodramma che ritrovano in lui “una colata lavica che prende il respiro” di chi lo ascolta. E’ stato interprete applaudito nel ruolo di Cavaradossi in Tosca, Chenier nell’Andrea Chenier, Don Alvaro ne La Forza del Destino, Otello in Otello, Calaf in Turandot.

Ed è così che Francesco Medda ricorda il grande Maestro Luciano Pavarotti: Dobbiamo molto a Luciano Pavarotti. Nel momento in cui la lirica era considerata una musica per l’elite, i teatri d’opera associati al bel mondo che andava a scontrarsi contro la contestazione operaia che andava a protestare i suoi diritti il 7 dicembre davanti alla  Scala, una figura d’una simpatia sconcertante conquistava il mondo intero. La sua silhouette inconfondibile, la battuta sempre pronta nel suo accento emiliano, creavano il mito Pavarotti, e i successi  americani lo rendevano all’Italia con l’aura del conquistatore. La voce solare e una tecnica pressoché perfetta gli hanno permesso di cantare il repertorio italiano più popolare.Grande Nemorino in Elisir d’amore, grande Riccardo nel Ballo in maschera, grande Edgardo in Lucia di Lammermoor, Rodolfo in Boheme, si è concesso il lusso di arrivare interpretare ruoli che andavano oltre la sua vocalità , come l’Otello cantato a Chicago, imponendo sempre la sua personalità ai personaggi che toccava. Così la sua popolarità ha riavvicinato tanti al mondo della lirica, in molti incuriositi dalla sua presenza nei teatri hanno acquistato un biglietto per sentire cosa fosse l’Opera, e hanno rispolverato i palchi ridando vita a un pubblico che ora segue di nuovo in massa gli antichi eroi del melodramma. Grazie, Maestro!”

 

Nel repertorio del tenore Medda spiccano anche Radames in Aida, Turiddu nella Cavalleria Rusticana, Pinkerton in Madama Butterfly, Manrico ne Il Trovatore, Des Grieux in Manon Lescaut, Sansone in Samson ed Dalila.

Conterraneo del grande tenore cagliaritano Bernardo di Muro, dall’isola Medda è approdato a Milano e poi si è esibito in importanti ruoli operistici sia in Italia che all’estero: si annoverano i successi nei teatri di Cape Town, Buenos Aires, Osaka, Tokyo, Il Cairo, Dublino, Toronto dove ha tenuto alta la bandiera dell’opera lirica tricolore, tutta italiana. Ha cantato a La Scala di Milano, Teatro PalaFenice a Venezia, al Festival Puccini a Torre del Lago, a Modena, Ravenna, Roma. Ha collaborato con grandi direttori quali De Bernardt, Chailly, Gandolfi, Bellugi, Bonynge e registi quali Zeffirelli, De Tomasi, Crivelli, Van Hoecke. Ha inciso i Carmina Burana per la Kicco Classic.

Chi volesse ascoltarlo dopo il concerto dedicato a Pavarotti il 23 agosto, dovrà attendere a ottobre 2008 la tournee in programma tra Parma, Piacenza e Carpi dove sarà Canio nell’opera Pagliacci di Leoncavallo.

 

Maestro, quale è, secondo lei, la dote più importante di un cantante lirico per far breccia nell'anima del pubblico?

Noi abbiamo il dovere di prepararci bene prima di presentare il nostro lavoro al pubblico, poi dobbiamo tenere conto che esiste un fatto inspiegabile che è il carisma,  un dono impagabile che nessun maestro può insegnare.

Lei è stato allievo di Franco Corelli, ha studiato con Carlo Bergonzi e ha ricevuto  il sostegno e l'incitamento del maestro Giuseppe Di Stefano. Chi è stato particolarmente importante nella sua vita, decisivo per il suo successo?

Sono stati grandi personaggi che hanno segnato un'epoca d’oro nella lirica. Irripetibili e inimitabili.

L'unica affinità tra loro è che fossero tenori, ma decisamente diversi l'uno dall'altro.  Possiamo dire che Bergonzi e Di Stefano fossero agli antipodi, sia come voci che come maniera di intendere il mestiere di cantante. Bergonzi ha una visione ascetica del cantante, osserva il silenzio assoluto prima delle recite, Di Stefano passava la notte a giocare a carte con gli amici in una visione molto epicurea della vita. E la natura era stata talmente generosa con Corelli da fargli percepire quella sua voce e quella sua figura quasi come un fardello pesante da portare. Direi che la grande lezione di questi grandi è stata quella di spingermi a cercare le mie peculiarità. Quando sei  giovane, a volte non è così scontato.

 

UFFICIO STAMPA

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl