A Sposidea 2008 suggestioni dall'India nella "stanza degli sposi"

A Sposidea 2008 suggestioni dall'India nella "stanza degli sposi" A Sposidea 2008 suggestioni dall'India nella "stanza degli sposi" 9 - 12 Ottobre 2008 Villa Castelbarco Albani - Vaprio d'Adda (MI) Un'arte antica e in via di estinzione che richiama riti di gioia e di fertilità, creata dalle donne per la loro camera da spose.

11/set/2008 12.47.00 GEODE COMUNICAZIONE Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
A Sposidea 2008 suggestioni dall’India nella "stanza degli sposi"

9 - 12 Ottobre 2008

Villa Castelbarco Albani - Vaprio d'Adda (MI)

        

 

Un’arte antica e in via di estinzione che richiama riti di gioia e di fertilità, creata dalle donne per la loro camera da spose. Disegni e simboli, fiori e piante lussureggianti, tigri, elefanti e pavoni tutti in attesa di una nuova vita. Un messaggio d’amore che attraversa i secoli e chiede al mondo di non scomparire.      

 

Vaprio d’Adda (MI), Settembre 2008 – Suggestioni dall’India nord orientale giungono a Sposidea 2008 con l’evento collaterale “Johar! La stanza degli sposi”, che porta a Villa Castelbarco una delle tradizioni più antiche dei territori dello Jharkhand. In questi villaggi - per buona parte ancora sconosciuti - si è sviluppata la tradizione della pittura muraria per la KHOVAR, la camera degli sposi. Il termine è composto da due parole kho (cava) e var (incontro nuziale) e sta ad indicare anche la stagione dei matrimoni, che viene celebrata proprio con i murals devozionali che decorano la casa degli sposi e le mura della stanza che ospiterà la coppia. La decorazione dei villaggi ha origini antichissime e trae probabilmente origine dalle incisioni rupestri. E’ un’attività svolta unicamente dalle donne e viene tramandata di madre in figlia da secoli. I colori sono ricavati mescolando la terra con fiori, foglie e pietre polverizzate. I disegni raffigurano motivi floreali, piante lussureggianti, tigri, elefanti e pavoni, spesso rappresentati con il piccolo nella pancia.

Lungo il percorso espositivo di Sposidea sarà ricreato un particolare allestimento che riproduce una stanza degli sposi, una Khovar. I visitatori si troveranno idealmente nella camera nuziale di uno di questi villaggi e potranno ammirare un “pezzo” di queste terre attraverso i teli e i pannelli realizzati dalle donne della Tribal Women’s Artists Cooperative, che da tempo si fa carico di promuovere questa forma di landscape art.

In allegato il comunicato stampa e un'immagine.
 
Per ulteriori informazioni
Antonella Angiono - Ufficio stampa Sposidea

Geode Comunicazione 

Comunicazione - Ufficio Stampa – RP
Via G. Pastore, 10/a 20040 - Cornate d’Adda (MI)
tel e fax 039-69.26.739
www.geodecom.it

 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl