WFF Incontro sulla Graphic Novel

27/set/2008 18.39.33 Women's Fiction Festival Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
WFF COMUNICATO STAMPA N. 16   

INCONTRO CON FRANCESCO CAROFIGLIO

Da pagine riempite di disegni venduti in edicola, a veri e proprio libri, curati nella scelta della carta e venduti in libreria: questo il percorso fatto dalle graphic novel, i romanzi grafici che ricordano in tutto e per tutto i fumetti. È di questo che ha discusso Cinzia Leone, intervistando durante il Women's Fiction Festival, Francesco Carofiglio, che ha presentato il suo ultimo romanzo "L'estate del cane nero" (Marsilio). Un interesse, quello per le scritture ibride, che è cresciuto nel tempo, e che vanta vere e proprie opere come quelle di Hugo Pratt. Carofiglio ha raccontato di essersi ispirato a degli attori del cinema per realizzare e dare una maggiore tipizzazione ai volti e ai personaggi di "Cacciatori nelle tenebre", creato insieme al fratello Gianrico (autore di legal thriller), nel 2007. Tra immagini proiettate e il racconto di alcuni aneddoti, i personaggi raccontati e disegnati da Francesco Carofiglio hanno preso vita, con le loro paure e i loro incubi, in una storia che lotta continuamente contro l'imprecisione della vita, fra palazzi (disegnati) estremamente precisi, che rendono l'opera ancora più preziosa, scandita dal bianco e dal nero. L'unico rischio per le graphic novel potrebbe essere una banalizzazione e una diffusa tendenza a scimmiottare il cinema, come denunciato da alcuni forum. Un rischio, più che un'opportunità per questo genere, che sbarcato nel salotto buono della letteratura, vi si è appoggiato diventando poi vera e propria linfa vitale per una letteratura sempre meno legata al supporto cartaceo, iniziale punto di forza.  

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl