Rockabilly in Italy. Grande reportage del settimanale "L'espresso" in edicola, sul rito di metà agosto interamente dedicato al Summer Jamboree

23/gen/2009 16.23.00 Ufficio Stampa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNICATO STAMPA

 

Rockabilly in Italy. Grande reportage del settimanale “L’espresso” in edicola, sul rito di metà agosto interamente dedicato al rock and roll che da dieci anni infiamma Senigallia (Marche – AN) e il litorale adriatico. Il reportage anticipa l’inizio del “Winter Jamboree” dal prossimo 31 gennaio. Info www.summerjamboree.com   

 

Si intitola “Rockabilly in Italy”. Otto pagine di reportage dal Summer Jamboree di Senigallia (Marche – AN) sul nuovo numero dell’“Espresso” in edicola (n.4 del 29 gennaio 2009). Dopo lo speciale di Magazzini Einstein andato in onda con diverse repliche a dicembre su Rai e RaiSat, anche il noto settimanale italiano di politica cultura e economia dedica un ampio servizio al Festival di musica e cultura dell’America anni ’40 e ’50 che ogni anno anima il litorale adriatico a ritmo di rock and roll. Un imperdibile “rito di metà agosto” raccontato da pagina 74 a pagina 81, firmato da Alberto Dentice e corredato da numerose foto di Giovanni Cocco. Il reportage annuncia anche l’imminente partenza del “Winter Jamboree” dal 31 gennaio a fine marzo, una stagione invernale ricca di concerti e iniziative prima della baldoria estiva che quest’anno festeggia il decennale. L’articolo disegna ambiente e motivazioni di un fenomeno culturale diffuso in tutto il mondo, ovvero il sogno dell’America anni Quaranta e Cinquanta, riproposto a Senigallia in quello che è uno dei tre appuntamenti del genere più importanti al mondo. Centinaia di concerti in diversi giorni di “baldoria”, con i musicisti più famosi del rock and roll in attività, alcuni in assoluta esclusiva come Jerry Lee Lewis nel 2007 o gli Stray Cats nell’edizione del 2008. Perché la musica “è il collante principale che unisce la tribù dei ribelli senza pausa, osserva l’autore dell’articolo che poco dopo puntualizza anche “ma è l’intero paesaggio sonoro stile American Graffiti a essa collegato che ogni volta si materializza nella cittadina marchigiana come in un film 3D, popolato da cloni piovuti dallo spazio tempo”. Il Summer Jamboree “riesce a calamitare in città la grande tribù dei rockabillies sparsi per il mondo. Un’umanità singolare e pittoresca assolutamente intergenerazionale e interclassista”. È “un luogo della mente dove il tempo sembra essersi fermato per un attimo prima che il rock perdesse la sua innocenza”. Per il direttore artistico Angelo Di Liberto, il Festival è sì baldoria ma anche importante momento di approfondimento culturale e storico, essendo “quelli gli anni in cui la mano bianca e quella nera si unirono dando vita al rock and roll e al primo movimento interrazziale nonostante la segregazione in corso”. Il “Summer Jamboree” è ideato e organizzato dall’associazione Summer Jamboree (diretta da Angelo Di Liberto, Andrea Celidoni, Alessandro Piccinini) e promosso dal Comune di Senigallia con la partecipazione della Provincia di Ancona e il contributo degli sponsor privati (Virgin Radio e Negroni Indipendent Label). Info www.summerjamboree.com

 

Associazione Culturale Summer Jamboree

Ufficio Stampa e Relazioni Esterne

Alessandro Piccinini Comunicazione

Tel 338.4169263 – 071.7922244

alessandro@summerjamboree.com

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl