Pane e companatico. i sapori della quarta edizione di "Pane Nostrum"

11/set/2004 14.37.09 Ufficio Stampa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNICATO STAMPA

 

 

OGGETTO: Pane e companatico… i sapori della quarta edizione di “Pane Nostrum”

 

 

Mancano davvero pochi giorni all’inaugurazione di Pane Nostrum, ed una schiera di panettieri da tutta Italia e dalle città gemellate al Comune di Senigallia, si sta preparando a sfornare ininterrottamente pani di ogni tipo nei quattro giorni dell’evento che inizierà giovedì 16 alle 16,30.

E se sono davvero tanti i panificatori italiani che arriveranno da quelle aree di parchi e territori dove si è recuperato da una tradizione secolare il modo di fare il pane, non meno saranno i panificatori della nostra zona pronti a inebriare il pubblico di “Pane Nostrum” con le loro ricette. Questi i forni che collaborano alla quarta edizione di Pane Nostrum: La Panetteria Due Emme, il Pane e il Dolce di Paolo Casagrande, il Forno di Dionigi, panificio Scattolini di Sartini e Staffolani, panificio Sartarelli, Panificio Adriatico, Minardi, Paradisi, L’Arte del Pane di Conditi di Senigallia, il Panificio Sbriscia di Scapezzano, Panificio fratelli Fabbri di Ostra, Pandigrano di Marco Agri del Vallone, Panificio Petrolati di Monterado, la Casa del Pane di Roncitelli, il Vecchio forno di Lombardi e Tappa di Polverigi, Panificio e Pasticceria Gambelli di Marzocca, La Bottega del Pane di Romani di Barbara, La Terra e il Cielo di Piticchio di Arcevia.

Ma si sa che “non di solo pane vive l’uomo”… Che sia un filone, un morbido panino al latte o una fragrante baguette, il pane molto spesso più che solo ci piace accompagnato. La C.I.A.(Confederazione Italiana Agricoltori) con “La strada delle fattorie” presenterà a “Pane Nostrum” le eccellenze enogastronomiche della Marca di Ancona in un percorso nei sapori di un tempo proposti da agricoltori con i saperi di oggi: Barchiesi Faustino Azienda Agricola, Co.A.M. Vici Maurizio - Schiaroli Elso, "Il Leccio" Di Massimiliano Fico, "La Terra E Il Cielo" Soc. Coop. Agr. A.R.L., Frantoio Lugliaroli Alessandro & C. S.A.S. "Dal 1966", Frantoio Montedoro S.R.L., Monterosso Società Agricola Forestale A.R.L., Pittalis Antonio, "Latteria Del Prete", Caseificio Pittalis.

Fin da bambini ci hanno insegnato che il pane non si spreca, non si getta via, non ci si gioca a tavola... Il pane va conservato e anche quando è diventato raffermo la cultura contadina ci ha insegnato a riutilizzarlo anche in cucina con zuppe, pancotto, bruschette. Proprio dall’attenzione e dal rispetto per questo alimento si intende proporre, dopo il successo dello scorso anno, un modo per riutilizzare il pane anche quando  sembrerebbe non più adatto per la nostra tavola. “Il pane in cucina”, sarà l’area in cui si potrà cenare assaggiando alcuni piatti sapientemente preparati dall’Istituto Alberghiero Panzini di Senigallia. Sul prato della Rocca, in una moderna area di ristorazione con elettrodomestici della Tiriboco, si potrà mangiare assaggiando alcuni piatti regionali realizzati utilizzando, fra gli altri ingredienti, il pane, a conferma di come con questo ingrediente si possa preparare un intero pasto dal primo al dolce.  Nel pomeriggio, oltre a seguire la preparazione dei vari piatti sarà possibile copiarne le ricette. Esperti cuochi saranno disponibili a rispondere alle domande di chi vorrà saperne di più. Protagonisti de “Il Pane in cucina”, i cuochi insegnanti dell’Istituto Alberghiero Panzini coadiuvati sia nella ristorazione che nel servizio ai tavoli e nella mescita dei vini dagli allievi del rinomato Istituto e coordinati da Vittorio Serritelli responsabile del settore ristorativo della Scuola. Un contesto importante quello di “Pane Nostrum” ha spiegato più volte il Dirigente dell’Istituto Alfonso Benvenuto per gli alunni che potranno svolgere un attività attinente ai percorsi scolastici previsti per l’inserimento nel mondo del lavoro. Sempre più forte dunque  la partecipazione attiva dell’Istituto Panzini ad una manifestazione così importante che ha ormai confini sempre più ampi. Una partecipazione indispensabile che vuole svilupparsi sempre di più nel nome di Senigallia e della cultura del pane. Tra le novità dell’area un dolce davvero speciale fatto con pane e uova, oltre a ad altre succulente ricette.

 

 

Ufficio Stampa Pane Nostrum

Alessandro Piccinini

338.4169263

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl