OperOrta: bilancio positivo per la lirica all'aperto

Grandi consensi per la soprano Cristina Bovati e per il quintetto d'archi "Antonio Vivaldi" di Venezia.

02/set/2009 01.31.43 Consorzio Cusio Turismo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

OperOrta 2009: bilancio strepitoso!

 

Tre giorni di opera, tre giorni di successo. Bilancio eccezionale per OperOrta, evento di prestigio che ha animato le sponde del Cusio, con le performance di grandi nomi della lirica italiana. Piazze gremite per l’ultima iniziativa promossa dal Consorzio Cusio Turismo per ravvivare l’estate rivierasca e promuovere il binomio cultura/turismo. “Siamo estremamente soddisfatti – commenta il presidente del Consorzio Andrea Giacomini – l’iniziativa ha registrato un successo notevole e pensare che è la prima volta che il nostro lago ospita una manifestazione di questo tipo”.
Gli ingredienti delle serate? La Bohème di Puccini, il Trovatore di Verdi e le Quattro Stagioni di Vivaldi, ma soprattutto la grande abilità dei protagonisti e il fascino indiscusso dei luoghi. Centinaia di residenti e turisti hanno affollato le piazze di Pettenasco e Orta San Giulio. Per non parlare dello strepitoso successo dello spettacolo svoltosi domenica pomeriggio sul piazzale dell’imbarcadero dell’isola di San Giulio, affollato di curiosi e appassionati.
Grandi consensi per la soprano Cristina Bovati e per il quintetto d’archi “Antonio Vivaldi” di Venezia. “Siamo entusiasti per il successo dell’iniziativa – dice proprio Cristina Bovati, direttore artistico della manifestazione – il lago d’Orta offre scorci e scenari unici e si presta perfettamente alla rappresentazione dell’opera all’aperto. Siamo stati accolti con grande professionalità e la partecipazione del pubblico è stata favolosa”.
Per ovvie ragioni logistiche dettate dall’esiguità degli spazi, nelle rappresentazioni liriche in programma sul lago non sono stati coinvolti cori e personaggi senza ruolo, situazione cha ha contribuito a mettere in risalto la grande abilità dei protagonisti. “Siamo rimasti impressionati dal grande interesse con il quale il pubblico ha seguito l’evento – dice ancora Bovati – l’idea di organizzare gli spettacoli all’aria aperta è stata letteralmente formidabile, il coinvolgimento di pubblico è stato massimo, ringrazio il Consorzio Cusio Turismo e spero che l’iniziativa venga ripetuta anche in futuro”.
Gli spettacoli, realizzati con la collaborazione delle amministrazioni comunali e con la collaborazione della Fondazione Banca Popolare di Novara per il Territorio e della Camera di Commercio, erano a ingresso libero. 
Una curiosità? Tra il pubblico c’erano parecchi turisti stranieri e persino una coppia di novelli sposi scozzesi, rimasti affascinati dall’abilità dei musicisti e dalla bellezza dei luoghi. Ciliegina sulla torta: lo spettacolo di fuochi d’artificio organizzato in occasione dei festeggiamenti di San Vito a Omegna, al quale il pubblico dell’opera ha potuto assistere sia dalla terraferma sia dai battelli messi a disposizione della piccola e grande navigazione del lago.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl