Vino Novello al via

Vino Novello al via Passato un minuto dalla mezzanotte di giovedì 5 novembre è stato possibile stappare la produzione di oltre 9 milioni di bottiglie di novello realizzata in Italia nel 2009 e in vendita in negozi, ristoranti, enoteche, winebar e vinerie per essere consumate entro i prossimi sei mesi, termine ultimo consigliato perché il primo vino dell'annata ad essere imbottigliato mantenga inalterate le proprie caratteristiche.

09/nov/2009 11.48.48 girogustando Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Passato un minuto dalla mezzanotte di giovedì 5 novembre è stato possibile stappare la produzione di oltre 9 milioni di bottiglie di novello realizzata in Italia nel 2009 e in vendita in negozi, ristoranti, enoteche, winebar e vinerie per essere consumate entro i prossimi sei mesi, termine ultimo consigliato perché il primo vino dell'annata ad essere imbottigliato mantenga inalterate le proprie caratteristiche. E' quanto stima la Coldiretti nel sottolineare che la produzione Made in Italy arriva con ben due settimane di anticipo rispetto al concorrente Beaujolais nouveau francese che si potrà assaggiare solo a partire dal terzo giovedì di novembre (il 19). Un vantaggio del Made in Italy, per il momento solo temporale, che non intacca il primato della Francia, anche se i cugini transalpini hanno già dovuto subire nel 2009 il sorpasso storico della produzione italiana di spumante sullo champagne.

Se la produzione di novello sarà più contenuta rispetto allo scorso anno, in linea con la vendemmia generale, i prezzi di vendita del novello Made in Italy sono stabili e variano - sottolinea la Coldiretti - su valori compresi tra i due e i dieci euro a bottiglia, con una media di 5 euro. Il fatturato del vino novello raggiungerà nel 2009 un valore superiore ai 40 milioni di euro ed è realizzato da quasi 250 produttori con oltre un terzo del totale delle bottiglie che esce dalle cantine del Veneto che insieme al Trentino copre quasi la metà della produzione nazionale, mentre a seguire si posizionano la Toscana, la Sardegna, l'Emilia Romagna e la Puglia.

Il "vino da bere giovane" è nato negli anni '50 in Francia nella regione Beaujolais e le sue caratteristiche sono determinate dal metodo di vinificazione utilizzato che è stato messo a punto dal ricercatore francese Flanzy ed è fondato sulla macerazione carbonica. Leggero, con bassa gradazione (11 gradi) e bouquet aromatico, il novello viene consumato soprattutto dal pubblico dei più giovani in abbinamento con i prodotti autunnali, dalle caldarroste ai prodotti tipici del territorio come salumi, verdure in pinzimonio e formaggi piccanti a pasta molle, degustati in casa o in pizzerie, enoteche, winebar, ristoranti e nelle piazze dove sono numerose le Sagre e le Feste paesane dedicate a questo vino.

La produzione italiana - conclude la Coldiretti - è caratterizzata sopratutto da novelli monovitigno con l'utilizzazione di un'ampia gamma di vitigni autoctoni (Teroldego, Ciliegiolo, Nero d'Avola, ecc.) anche se quelli più utilizzati sono nell'ordine Merlot, Sangiovese, Cabernet, Montepulciano e Barbera.

 

 

 

http://www.girogustando.it/News-e-Magazine-Vino-Novello-al-via-6112009.htm

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl