Isole Eolie: bellezze a pagamento

25/mag/2010 12.35.36 Roberta Spiga Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Cattive notizie per i turisti amanti della Sicilia e dei viaggi in Sicilia.
In particolare per gli amanti delle sette bellissime Isole Eolie, Lipari, Salina, Vulcano, Alicudi, Filicudi, Panarea e Stromboli.

Il sindaco di Lipari, Mariano Bruno, ha deciso di far pagare un pedaggio a chiunque voglia visitare le Isole Eolie. Tale pedaggio è solo di un euro, a cui vanno aggiunti altri tre euro per gli appassionati di trekking che vogliano scalare i vulcani di Stromboli e di Vulcano.

I soldi dei pedaggi andranno direttamente alle compagnie di navigazione che collegano le Isole Eolie alla terraferma e ai gestori dei pontili galleggianti.
E il turista che viene scoperto senza aver pagato il ticket verrà multato con un’ammenda di 10 euro. Altri 100 euro saranno inoltre addebitati all'armatore o al comandante che ha lasciato entrare gratuitamente il turista.

Per quanto si possa non essere d’accordo, la ragione di questa svolta è nobile: lo scopo è infatti quello di raccogliere denaro per migliorare i servizi sulle Isole Eolie, letteralmente prese d'assalto dai turisti per l'estate in Sicilia.

E c’è anche da ammettere che si tratta comunque di un pedaggio simbolico e veramente irrisorio se paragonato alla bellezza delle sette perle del Mediterraneo.

A partire da Lipari, la maggiore delle isole dell'arcipelago, che offre un mare spettacolare, splendide spiagge di sabbia bianca o nera e un tessuto ricettivo ben strutturato e di altissimo livello. Senza tralasciare Salina, meta turistica tranquilla scelta persino dal regista del film "Il postino", e Alicudi, la più lontana delle Isole Eolie, recentemente inserita dal Guardian nella lista delle venti isole più belle del mondo.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl