Salina: c'è di che comprare e di che gustare

05/ott/2010 10.06.56 Marco Biondi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Naturalmente è un obbligo fare una scorta di capperi, di Malvasia, di vino rosso e bianco e anche di olio extravergine di oliva, di conserve, di sottoli, di miele e di altre leccornie. La più antica azienda agricola si trova a Malfa: è la Cooperativa S. Anna (tel. 9844167) specializzata nella preparazione di "capperi cunsati". L'azienda Venti del Sud di Angelina Cafarella (tel. 9844079) opera con un metodo di coltivazione biologica garantita e controllata dall'AlAB (associazione italiana aziende biologiche), prepara salse e sughi tipici, marmellate di ogni tipo (persino di corbezzolo, di zucca e di fichi) e vino cotto. L'azienda Sapori del Mediterraneo produce sottoli di pregio ottimi quelli di pomodori secchi) e miele. Olio extravergine di oliva molto aromatico viene prodotto da Caravaglio (tel. 9844368), quello del Malvasia. Un negozio che vende tutto ciò che l'isola è in grado di produrre è il Supermercato FAS (tel.9844017-9844289) a Malfa. Ricordi di Salina, isola non troppo distante da Lampedusa, mobili antichi ed oggettistica di prestigio si possono acquistare, sempre a Malfa, presso A Putia mentre a Santa Marina Indigo presenta mobili antichi ma produce anche monili personalizzati. "Vastidduz-zi" e "spicchitedda", i tipici dolci eoliani con mandorle, uva passa e Malvasia i primi, strutto e vino cotto i secondi, si possono degustare a Malfa presso la pasticceria Cose duci (cose dolci). Saporiti anche i cosiddetti "fiori di zucca": pasta frolla guarnita con marmellata di zucca. Il mago dei gelati è Chiofa-lo, a Leni, mentre l'oscar delle granite è appannaggio di Alfredo, a Lingua: la mattina vengono in barca a consumarle presso di lui persino turisti che soggiornano a Pa-narea e Rinella. Gli amanti della pizza trovano il top da Marco a Rinella ma anche il Gambero, a Lingua, gli sta dietro. Il dopocena vede protagonisti il bar-ritrovo "storico" dell'hotel L'Ariana a Rinella e il pub Nni Lausta, sul corso di Santa Marina con i suoi stuzzichini e musica anche dal vivo- Discoteche? Una sola: la Cambusa, al chiuso, per non disturbare le tranquille notti dell'isola.Le due sistemazioni alberghiere di miglior pregio dell'isola sono quelle offerte dall'hotel L'Ariana di Rinella e dal Signum di Malfa. Il primo è stato realizzato in una antica villa patrizia, un tempo anche aristocratico "Circolo dei cacciatori"

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl