In vacanza tra ghiacciai e sentieri botanici

07/ott/2010 22.11.32 Sara Borsari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il territorio trentino offre diverse testimonianze di come il turismo possa coniugarsi serenamente con il patrimonio naturale, dimostrando che la valorizzazione delle bellezze e del patrimonio naturalistico di un territorio e l’impatto nocivo su di esso per la creazione di strutture ricettive non debbano per forza procedere di pari passo. Gli esempi in particolare sono offerti da due piccoli comuni trentini: Dro e Grumes.

Se si decidesse di trascorrere le vacanze a Dro, nell’alto Garda, si scoprirebbe un territorio a cui è stato riconosciuto anche dalla legislazione un notevole interesse ambientale. La zona di Dro è infatti dominata dalle Marocche: testimonianza dell’azione modellatrice che i ghiacciai hanno sul terreno, le Marocche offrono ai turisti un paesaggio particolarissimo, costituito dall’alternarsi tra giganteschi blocchi di massi detritici popolati da arbusti o boscaglia e terrazzamenti, ricoperti dai lecci. Una sorta di deserto di pietra, tra i più spettacolari ed estesi di tutta l’Europa.

Simili opportunità offrono le vacanze a Grumes, in Val di Fiemme. Il comune che conta circa 500 anime basa infatti la propria offerta turistica sul trekking e l’escursionismo. Imperdibile ad esempio è l’opportunità di seguire i sentieri botanici, di finalità turistico-didattica, che attraversano i comuni della Valle di Cembra. Oppure scoprire i cammini attraverso mulini e segherie, di cui molti recentemente restaurati, lungo le rive dell’Avisio. Grumes si trova infatti in cima alla Val di Cembra lungo la sponda del fiume Avisio e proprio sull’acqua economia e ricchezza si sono rette nel corso della storia. Oltre che sulla pregiata produzione di vini.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl