Scoprire il Trentino: reperti archeologici a Cloz e palazzi nobiliari a Villa Lagarina

11/nov/2010 12.12.47 Sara Borsari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Nel Trentino ogni paese ha le sue peculiarità ed è interessante visitare anche quelle località che rimangono un po' ai margini del turismo di massa, ma che hanno sempre qualcosa da offrire a un attento viaggiatore.

Sotto il monte Ozol, in mezzo ai frutteti, potrete passare le vostre vacanze a Cloz, un villaggio molto antico, come testimoniano i ritrovamenti di epoca neolitica e dell'età del bronzo. Oltre a particolari architettonici quali gli sporti triangolari e le bifore di gusto rinascimentale, il paese merita una visita per la chiesa di S. Stefano, al cui interno campeggia un altare barocco, e la chiesa di S. Maria, restaurata, del XV secolo. Da vedere anche gli affreschi delle case Cisi, Mola e Marangoni e Castel Sant'Anna. Gli artigiani qui si dedicano da sempre alla battitura del rame, con la quale creano utensili ed oggetti ornamentali.

Per un'immersione nelle testimonianze dei fasti nobiliari d'un tempo, consigliamo delle vacanze a Villa Lagarina, poco lontana da Rovereto. Qui fanno bella mostra di sé numerosi palazzi signorili, tra i quali spicca quello dei marchesi Guerreri Gonzaga del XVII secolo, il cui interno si articola in vasti saloni e il cui parco è uno dei più estesi del Trentino, con alcune piante rare e una grande limonaia. Da vedere, ancora, la barocca chiesa dell'Assunta, Palazzo Libera e Palazzo Camelli. A Villa Lagarina non mancano neanche le bellezze naturali: le cascate di Strafalt, con caverne e resti di strutture forse romane, e il lago di Cei, adagiato tra boschi di faggio.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl