Alla scoperta della Sardegna del sud in barca a vela

Viaggiare per mare vuole per prima cosa dire sporgersi verso l'ignoto, lasciarsi sulla scia le luci di un porto al tramonto, trovarsi all'alba in mare aperto e avvistare la sagoma della terra all'orizzonte; una terra o un'isola mai vista prima prende forma e colore lentamente e spesso ha anche un odore caratteristico.

01/feb/2011 10.15.04 Play The Press Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Viaggiare per mare vuole per prima cosa dire sporgersi verso l’ignoto, lasciarsi sulla scia le luci di un porto al tramonto, trovarsi all’alba in mare aperto e avvistare la sagoma della terra all’orizzonte; una terra o un’isola mai vista prima prende forma e colore lentamente e spesso ha anche un odore caratteristico. 

Nonostante sia una destinazione facilmente raggiungibile, la Sardegna del sud è poco frequentata dai diportisti rispetto alle Eolie o alla Costa Smeralda. Eppure non c’è nessun motivo valido.

C’è un mare incredibile, ridossi sicuri, frequenti porti ben attrezzati ed economici, isole, parchi marini e alcune vere imperdibili chicche. Una ovviamente è l’Isola di San Pietro: l’isola è tutta bella e il paese di Carloforte è uno de pochissimi borghi marinari della zona: pescatori di corallo liguri, dopo avere vissuto per quasi due secoli sull’isola tunisina di Tabarka ed iniziando qui a scarseggiare il corallo, nel 1738 chiesero al re Carlo Emanuele III di colonizzare l’Isola (al tempo Isola degli Sparvieri). Ancora oggi si parla ligure e i piatti tipici hanno una chiara influenza genovese, come il pasticcio alla carlofortina, con tonno pomodorini e pesto. La grande spiaggia e rada di Porto Pino permette di fare una passeggiata fino alle altissime dune di sabbia e rotolarsi giù o scapicollarsi fino al mare ai quattro palmenti senza pericolo di farsi male! 

C’è una rada incantevole e pacifica che vi rimarrà nel cuore: quando sulla costa occidentale imperversa il maestrale forte o il libeccio, niente paura: vento in poppa fino a Capo Carbonara, risalire ridossati lungo la costa orientale sarda per 15 miglia e buttare l’ancora a nord di Capo Ferrato, in un’ampia spettacolare insenatura bordata da chiari graniti levigati, con vista sull’inizio della Costa Rey. Un tramonto indimenticabile? Dall’Isola dei Cavoli, di fronte a Capo Carbonara: l’ancoraggio sul lato orientale non è spaziosissimo, ma in genere la zona non è affollata, e un buco lo si trova quasi sempre.

Se non siete dei velisti ma non volete rinunciare a queste sensazioni uniche, un modo di fare una vacanza indimenticabile nel mare della Sardegna del sud c'è: rivolgersi a chi organizza vacanze con skipper, tanto meglio se in compagnia, come Zeppelin, organizzazione specializzata in viaggi in compagnia.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl