CARNEVALE IN ITALIA: DA NORD A SUD, CHE LA FESTA COMINCI.

Chi crede che il Carnevale in Italia, sia solo maschere e coriandoli non sa cosa si perde: Viareggio e Putignano tra le mete blasonate, ma anche i piccoli comuni vantano celebrazioni di tutto rispetto, basti pensare ad Ivrea o Muggia.

02/mar/2011 15.05.13 Movolo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Pulcinella ormai è sorpassato. Chi crede che il Carnevale in Italia, sia solo maschere e coriandoli non sa cosa si perde: Viareggio e Putignano tra le mete blasonate, ma anche i piccoli comuni vantano celebrazioni di tutto rispetto, basti pensare ad Ivrea o Muggia. Niente sambodromi come oltreoceano ma di certo, ci sarà da divertirsi. 

I comuni italiani, grandi città come piccoli centri, si stanno organizzando per sfoderare il meglio in occasione del carnevale 2011. Varietà è la parola d’ordine di quest’anno: il carnevale chic a Venezia o la goliardia di Muggia, la tradizione centenaria di Viareggio ed il folklore a Putignano, assieme alla tradizionale battaglia delle arance ad Ivrea, mettono in scena il meglio della creatività italiana per una delle feste più sentite dell’anno.

Le immagini del carnevale italiano di solito più celebri al mondo riguardano una città su tutte:  Venezia, la serenissima affascina già ordinariamente migliaia di turisti, si può immaginare quanti ne attragga nei giorni clou del carnevale. Quest’anno il celebre volo dell’angelo sarà affidato alla grazia di Silvia Bianchini e per tutta la laguna si metteranno in scena i 5 sensi: il gusto a Cannaregio, il tatto a Castello, la vista a San Paolo, l’olfatto a Santa Croce, e l’udito a Dorsoduro. Sensazioni e non solo: la coincidenza dell’ultimo giorno di carnevale con l’8 marzo fa sì che questo venga interamente dedicato alle donne!

Ivrea non sarà terra di produzione delle arance ma è sicuramente la città in cui più ce le si tira dietro: la battaglia delle arance per carnevale è l’evento che ha reso famosa questa cittadina piemontese!

Oltre cento anni di storia, per la precisione 138, fanno di Viareggio una delle capitali del carnevale italiano. Un anno di lavoro intenso per i carri che faranno la loro sfilata per le strade della città, val bene un viaggio, tra l’altro semplice ed economico vista la vicinanza all’aeroporto di Pisa su cui atterrano molte low cost.

A pochi chilometri dalla splendida Trieste, Muggia è una quieta cittadina che si trasforma completamente durante il carnevale: il vino la fa da padrone ed, al Lunedì, il programma prevede la questua delle uova … finale in bellezza con la preparazione di un’enorme frittata di pancetta e cipolla.

Non si po’ dimenticare Putignano: anche nella provincia barese il carnevale è molto sentito tanto da essersi guadagnato la celebrità in tutta Italia. La lavorazione della cartapesta affascina da decenni grandi e bambini.

Probabilmente il costume da arlecchino è il caso di lasciarlo ai ricordi d’infanzia, ma chi ha detto che da grandi non ci si possa travestire comunque? Basta un po’ di fantasia e umorismo, specialmente se ci si lascia guidare dalla satira politica, anche a carnevale!

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl