Un paio di consigli per vivere Barcelona ed il suo Parco Guel

14/mar/2011 16.34.28 luca Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
La mitica Barça è oggi diventata oggetto di turismo giovane, un pochetto alternativo, alla portata di tutte le tasche. La città spagnola vanta senz’altro il record di viaggi veloci dei ragazzi americani, sostituendo sempre più spesso mete tempo fa più agognate come Londra o più chic come gli atolli lontani. Ciò è causato da una serie di iniziative sia da parte delle amministrazioni provinciali sia anche, e recentemente, sia grazie ad un ritrovato interesse per la città da parte delle compagnie aeree economiche. Ebbene si, una doppia tratta andata e ritorno per Barcelona con partenza da Roma può avere come prezzo finale anche soltanto 60 euro, prezzo che magari spenderemmo con un treno per giungere fino a Milano, oppure, per lo stesso trasferimento, sempre con l’aereo, con partenza da Bergamo, in particolare Orio al Serio, con un po’ di velocità (o fortuna) paghiamo alla fine meno di 100€. Dunque vuol dire che, quando abbiamo pianificato il nostro viaggetto per Barcelona, risparmiando sul viaggio possiamo ripagarci anche di fermarci in città uno o due giorni in più, sempre che trovare anche un buon hotel non è difficile. Un ottimo modo per selezionare una sistemazione a Barcellona è scrivere su internet Hotel al centro di Barcellona disponibili, ad esempio, su http://www.hotelbarcellonacentro.it/. Potremo così avere ad una buona lista di soluzioni in alberghi, pensioni, ostelli ed altri tipi di alloggi, con cui calcolare, in base al prezzo, a come sono situati ed alla effettiva disponibilità delle camere che ci ispirano, il meglio a Barcelona che più ci pare giusto. Se siamo turisti che impegnano il tempo anche a passeggiare ed il tempo ce lo permette, nel nostro tempo cerchiamo di ritagliarci una mattina per raggiungere e|andare a visitare|andare a vedere] il magnifico parco ideato da Gaudi, che meraviglia turisti di ogni tipo e provenienza per le sue sculture artistiche e le sue inalberazioni. Il posto si chiama Parco Guell, secondo il nome del ricco mecenate che lo commissionò per lasciare qualcosa di riccamente artistico alla sua amata città, fidansosi dell’arte visionaria del grande Antoni. Il Parco e situato a Carrer D’Olot ed è raggiungibile sia camminando, con una allegra passeggiata dalle Ramblas, oppure con l’aiuto della metro. L’importanza estetica e storica di questo gioello urbanistico è resa evidente dal fatto che sia nomenclato nell’elenco dei Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO. Per fortuna il parco Guell, che negli studi iniziali doveva far parte di una nuova città, vanta ingresso libero, ma se fare economia nel nostro viaggio a Barcelona continua ad essere la nostra idea possiamo avere un occhio osservatore anche durante la ricerca di uno degli Hotel Economici Barcellona. Cercare di economizzare, quando ci si riesce, sul trasporto e sull’hotel, rende più semplice e più sereno potersi concedere qualche follia per rendere indimenticabili altri aspetti della nsotra vacanza, magari una cenetta premeditata in un locale da ricconi o una visita guidata con tanto di guida in uno dei musei di questa meravigliosa città.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl