Taio e Sagron Mis, tra storia e religione

29/apr/2011 19.56.29 Sara Borsari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Hotel Taio”, è questa la chiave da esplorare se si vuole visitare il Trentino ed avere l’occasione non solo di effettuare una vacanza dal percorso religioso, ma anche potersi vantare in qualche modo di aver respirato la stessa aria che respirò niente di meno il fondatore dello stato dell’Arizona. O per meglio dire quello che gli stessi statunitensi hanno assurto a tale rango. Taio è infatti il paese natale di Eusebio Francesco Chini,  religioso e missionario vissuto a cavallo tra il XVII ed il XVIII secolo e noto  negli Stati Uniti ed in Messico come noto esploratore, cartografo ed astronomo.

La storia vuole che sia noto, specialmente nel Messico Nordorientale per i metodi che utilizzò per evangelizzare e convertire al Cristianesimo le popolazioni native americane. Le cronache raccontano che  istituì più di 20 missioni e “visitas”, le cosiddette “parrocchie di campagna” e che fu in grado di ispirare fiducia alle popolazioni indigene della zona che acconsentirono ad una evangelizzazione dolce e graduale.

Cercare in rete le chiavi “hotel Sagron Mis” è l’ideale se si vuole visitare una piccola realtà rurale (i suoi abitanti sono appena 205 all’ultima conta, n.d.r.) posta ai con fini con il veneto  caratterizzato da una lunghissima tradizione storica. I suoi abitanti, sebbene vengano identificati con un nome “gnodoli” (gnocchi)  più che vagamente dispregiativo donato in passato da un paese rivale, portano il loro nome con fierezza, caratterizzando con derivati dello stesso anche le maggiori manifestazioni del paese.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl