La cucina trentina

24/mag/2011 10.06.12 Sara Borsari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Conoscete la cucina trentina? L’arte di preparare manicaretti di questa zona risente delle influenze più varie che dipendono dal territorio e dagli eventi storici avvenuti in queste terre. I canederli sono sicuramente il piatto più famoso, ma sulle tavole di queste valli potrete trovare anche polenta, crauti e i famosi dolci come lo strudel e i krapfen. Oltre alle influenze asburgiche, del Veneto e della Lombardia, grazie alla vicinanza con l’est Europa è entrato nelle abitudini trentine anche il più diffuso piatto ungherese, il gulasch, una zuppa a base carne e odori come cipolle, patate e carote.

 

Ma come si fanno i canederli, il tipico piatto della cucina trentina? La ricetta, come quasi tutte le preparazioni dei piatti di antica origine, è basata su ingredienti poveri (nasce come metodo per riciclare gli avanti di pasti precedenti) ed è molto semplice da preparare. I grossi gnocchi che prendono il nome di canederli infatti sono composti da pane raffermo, latte, uova e, a seconda della zona in cui si cucina o a discrezione del cuoco, altro ingredienti a scelta. Nella ricetta trentina è d’uso aggiungere lo speck all’impasto che si ottiene mescolando gli ingredienti base e che viene cotto in acqua salata. 

 

Vi siete incuriositi e vi è venuta la voglia di passare qualche giorno in Trentino per provare le ricette locali potete prenotare subito tramite internet. E se volete risparmiare provate a rispolverare la vecchia tenda. Cercate in rete le parole “campeggi Lago di Ledro” oppure “campeggi Val di Non” per iniziare a conoscere queste golosissime valli. 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl