Viva Wyndham Resorts: inaugurato il "Museo Vivo in Fondo al Mare di Capitan Kidd" in Repubblica Dominicana

30/mag/2011 11.18.48 Ufficio Stampa PRESS Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Buongiorno,

di seguito invio con piacere il comunicato stampa relativo al nuovo "Museo
Vivo in Fondo al Mare di Capitan Kidd" recentemente inaugurato in Repubblica
Dominicana. Tra gli altri, il progetto è stato realizzato in collaborazione
con la catena alberghiera Viva Wyndham Resorts. Rimango a disposizione per
eventuali chiarimenti.



Grazie e a presto,





Elisabetta Imbrogno
Press Office & P.R.
Corso S. Gottardo 5 - 20136 Milano
Tel. 02867526 Fax 0286998132
e.imbrogno@presstudio.com





V%20W%20logo%20VERTICAL



INAUGURATO IL "MUSEO VIVO IN FONDO AL MARE DI CAPITAN KIDD"



Maggio 2011 - Il relitto della famosa imbarcazione Quedagh Merchant del
Capitano William Kidd, affondata più di 300 anni fa, è stato trasformato nel
"Museo Vivo in Fondo al Mare di Capitan Kidd"; la recente inaugurazione
ufficiale fa parte di un progetto patrocinato dall'agenzia americana USAID
(U.S. Agency for International Development) in collaborazione con l'Ufficio
Nazionale del Patrimonio Culturale Subacqueo (ONPCS) del Governo della
Repubblica Dominicana, il Consorzio Dominicano di Competitività Turistica
(CDCT) e la catena alberghiera Viva Wyndham Resorts.



I resti della nave del leggendario pirata Capitan Kidd sono stati ritrovati
dal professore Charles Beeker, ricercatore e archeologo presso l'Università
dell'Indiana, circa 3 anni e mezzo fa in Repubblica Dominicana, a breve
distanza dall'Isola di Catalina.



Questo museo marino, che si trova a soli 8 metri di profondità a 25 metri
dalla costa, darà l'opportunità alle persone di visitare il famoso relitto
del XVII secolo che ancora oggi ben conserva alcune ancore e numerosi
cannoni.



Lunedì 23 maggio è stata posta una targa di bronzo nel luogo preciso in cui
naufragò la nave nel 1699 e contemporaneamente sono state ufficialmente
aperte le mostre del Capitan Kidd al Museo Britannico di Docklands a Londra
e al Children's Museum di Indianapolis.



Oltre ai resti della nave Quedagh Merchant, lungo il litorale della località
Bayahibe, nelle vicinanze de la Romana, è possibile visitare il relitto
dell'imbarcazione "Guadalupe" del 1724 situato di fronte alla spiaggia del
resort Viva Wyndham Dominicus Beach, la barriera artificiale di San George e
la barriera corallina formatasi per la presenza di cannoni del 18° secolo
chiamata Guaraguao (queste ultime due sono ubicate di fronte al litorale
della zona alberghiera).



Il Quedagh Merchant è l'unica imbarcazione pirata scoperta nei Caraibi e la
terza in America. Oltre al fine prettamente ludico, questa riserva verrà
utilizzata come campo scientifico per l'archeologia subacquea, la biologia
marina, l'ecologia e la geologia.



All'inaugurazione ufficiale del museo erano presenti importanti personalità
coinvolte nel progetto come il Coordinatore dello Sviluppo Economico e
Ambientale di USAID Duty Green, delegazioni dall'Armenia, dall'università
dell'Indiana e del Children's Museum di Indianapolis, e rappresentanti dei
ministeri della Cultura, del Turismo e dell'Ambiente.



Nel novembre del 2008 USAID donò all'Università dell'Indiana 200.000 US$ per
lo sviluppo dell'area dove è stato ritrovato il relitto di Capitan Kidd come
riserva subacquea, così come le altre tre aree di riserva. Nel 2010, USAID
ha garantito un altro anno di sostegno portando la donazione a un totale di
300.000 US$.



Le scoperte culturali serviranno a proteggere i coralli e altre specie in
pericolo di estinzione che si possono trovare nelle vicinanze di questi
siti, sotto la supervisione dell'Ufficio Nazionale del Patrimonio Culturale
Subacqueo in collaborazione con il Ministero dell'Ambiente e altre
organizzazioni e associazioni. L'obiettivo è promuovere, attraverso la
storia di Capitan Kidd, la conservazione della biodiversità e l'applicazione
di un modello di regole e norme delle aree speciali protette in Repubblica
Dominicana.



La speranza è che l'inaugurazione di questo "Museo Vivo" possa servire da
esempio anche ad altri Paesi per proteggere le proprie risorse culturali e
biologiche.



Per ulteriori informazioni:

Viva Wyndham Resorts - www.vivaresorts.com



UFFICIO STAMPA



Elisabetta Imbrogno -
e.imbrogno@presstudio.com

Tel. 02.867526 - fax 02 86998132




blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl