Ad Alfonsine 8 ettari di Labirinto per celebrare il ritorno del Basilisco. Per il terzo anno consecutivo l'azienda agrituristica di Carlo Galassi dà vita al labirinto effimero più grande d'Europa, dedicato al leggendario Drago romagnolo

Ad Alfonsine 8 ettari di Labirinto per celebrare il ritorno del Basilisco Per il terzo anno consecutivo l'azienda agrituristica di Carlo Galassi dà vita al labirinto effimero più grande d'Europa, dedicato al leggendario Drago romagnolo Nel 2009 sono stati 50.000 mq, nel 2010 sono diventati 60.000 mq e nel 2011 si arriva a ben 80.000 mq.

Persone Pierluigi Papi, Luigi Berardi, Carlo Galassi
Luoghi Rome, Romagna, San Lorenzo Municipio
Argomenti music

06/gen/2011 12.46.05 Pierluigi Papi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Ad Alfonsine 8 ettari di Labirinto per celebrare il ritorno del Basilisco

Per il terzo anno consecutivo l’azienda agrituristica di Carlo Galassi dà vita

al labirinto effimero più grande d’Europa, dedicato al leggendario Drago romagnolo

 

Nel 2009 sono stati 50.000 mq, nel 2010 sono diventati 60.000 mq e nel 2011 si arriva a ben 80.000 mq. Questi i numeri che caratterizzano l’estensione del “Labirinto effimero” di Alfonsine che per il terzo anno consecutivo può vantare l’invidiabile primato di essere il più grande d’Europa, grazie alla creatività e all’intraprendenza di Carlo Galassi dell’omonima azienda agrituristica, che ospita la straordinaria opera. Dunque 8 ettari di terreno nei quali serpeggia una fitta maglia di sentieri circondati e delimitati da “pareti” naturali realizzate principalmente da piante di mais ma anche da altri arbusti. Un percorso misterioso, magico e affascinante creato per l’occasione dall’artista Luigi Berardi, che già nel 2010 aveva realizzato i grandi orologi solari e notturni del labirinto, e dedicato al Basilisco, l’unico drago di documentata presenza in Romagna.

Il labirinto verrà inaugurato domenica 12 giugno e sarà visitabile fino al termine dell’estate.

 

Secondo una leggenda, il conte Aldovrandi nel 1500 circa trovò morto un Basilisco e lo fece imbalsamare, “fermandone la storica immagine” fonte di ispirazione per molti artisti fino alla fine dell'800, quando se ne perse ogni traccia. E cosi la storia divenne leggenda, la leggenda divenne mito e per 150 anni del Basilisco si perse ogni traccia. Oggi, grazie all’intraprendenza di Carlo Galassi e al genio di Luigi Berardi, il Basilisco è pronto a risorgere. Quest’anno si è festeggia il 150° anniversario dell’Italia unificata e il Basilisco ritorna dopo 150 anni di assenza dalla terra di Romagna: che sia una casualità?

Le sembianze del Basilisco mutarono nel tempo a seconda della fantasia dei cantastorie che raccontavano di questa creatura. Ma un dato rimane certo: essa nasceva da un uovo di gallo covato da due rospi, davvero una rara combinazione! Si diceva, inoltre, che con il solo sguardo un Basilisco potesse pietrificare ogni essere vivente, ecco perché era il terrore dei viandanti.
Il labirinto effimero di Carlo Galassi non solo sarà un’iniziatica danza rituale che porterà a una maggiore coscienza del corpo nello spazio, ma permetterà ai più fortunati che accederanno al cuore del Basilisco di esprimere un desiderio al drago.

 

Nel corso di tutta l’estate i giardini attorno al labirinto diventeranno il palcoscenico naturale per una serie di appuntamenti spettacolar-musicali ed enogastronomici: il 26 giugno ritorna il gruppo dei “Fricandò” con il suo divertente cabaret musicale; il 13 luglio prenderà vita una serata dedicata alla degustazione di prodotti toscani “L’Etruria Incontra l’Eridano”; il 27 luglio si va oltre Oceano per una “Serata cubana” a base di sigari e distillati tipici dell’isola caraibica; il 10 agosto,  in occasione della notte di San Lorenzo e delle stelle cadenti, prenderà vita una gustosa degustazione di prodotti provenzali.

All'interno dell'azienda è allestita in pianta stabile una mostra di labirinti in mosaico realizzati dagli allievi  del Liceo Artistico Nervi-Severini di Ravenna. Un percorso artistico attraverso il quale viene raccontata la storia dei labirinti e le varie forme che li hanno caratterizzati nei millenni.

 

L’area adiacente all’ingresso del labirinto quest’anno sarà arredata da un nuovissimo “Generatore di braci” sempre disponibile per il visitatore (previa prenotazione) per pranzi e cene immersi nel verde della natura.

 

Il labirinto si trova nell’Azienda agricola Galassi Carlo (via Roma, 111) ad Alfonsine. E’ visitabile fino al termine dell’estate dal martedì alla domenica dalle 10 alle 21.  Il costo dell’ingresso al labirinto è di 7 Euro.  Info. e prenotazioni: 335 8335233; info@galassicarlo.com

 

 

Ufficio stampa: Pierluigi Papi tel. 338 3648766 ppapi@racine.ra.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl