Viaggio in Sicilia: le Maccalube.

Viaggio in Sicilia: le Maccalube.. Viaggio in Sicilia: le Maccalube.

Persone Deodat de Dolomieu Gratet
Luoghi Sicilia, Aragona, Agrigento, Valle dei Templi, provincia di Agrigento
Argomenti vulcanologia, geologia

01/lug/2011 19.11.13 Flyingtosicily.com Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Viaggio in Sicilia: le Maccalube.

 

In Sicilia ci sono molti siti dove avvengono manifestazioni di “vulcanesimo fangoso”; il più famoso di questi è certamente l’area delle c.d. “Maccalube” (dall’arabo maqlub, “terra che si rivolta”) che si trova nel territorio di Aragona (a circa 4 km. dal centro abitato), in Provincia di Agrigento.

Il sito è conosciuto sin dall’antichità, probabilmente sin dall’età del bronzo visto che alcune necropoli di quell’epoca sono ubicate vicino alle Maccalube stesse. Inoltre, diverse leggende ne fanno riferimento: si narra, ad esempio, che un’intera città fu inghiottita dalle Maccalube in seguito a una grave offesa mossa dai suoi abitanti a una divinità. Ogni sette anni, a mezzanotte, un gallo canterà al centro della collina e lì risorgerà la Piazza del Mercato. La leggenda continua affermando che, se una persona si trova là e riesce a superare la propria paura andando alla Piazza del Mercato senza voltarsi indietro, tutto quello che toccherà diventerà oro!

Anche gli Arabi e i Normanni, che occuparono la Sicilia, si interessarono del fenomeno. Come sopra detto, l’etimologia del nome Maccalube è araba.

Il sito venne studiato scientificamente soltanto nel 18° secolo dal geologo Deodat de Dolomieu Gratet. L’area si trova sull’asse di un anticlinale, delimitato a nord e a sud rispettivamente dal sinclinale di Aragona e di Agrigento. L’anticlinale mostra affioramenti di marne argillose e di argille del Tortoniano. Al centro di questa zona le Maccalube formano una collina, la c.d. “collina dei vulcanelli” di superficie grigia dalle tonalità variabili. Le emissioni fangose sono fredde (intorno a 17°) e sorgono sotto l’effetto di emissioni spontanee di gas a una profondità di 5 km.  Generalmente tranquille, le emissioni a volte subiscono delle accelerazioni violente in grado di cambiare la morfologia del sito.

Il paesaggio delle Maccalube conserva un’aura di mistero e di grande fascino e merita senza dubbio una visita, anche in considerazione del fatto che il sito si trova a pochi chilometri dalla Valle dei Templi di Agrigento.

Per organizzare al meglio la tua vacanza nell’Isola del Sole includendo una tappa alle Maccalube clicca su Vacanza in Sicilia.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl