Non passate da Firenze senza concedervi una battuta d'arresto per un panino con il lampredotto.

15/nov/2011 15.20.25 luca Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 E' un pezzo dell'apparato digerente dei ruminanti (l'abomaso), un tipo di trippa che da sempre è simbolo del mangiare di strada fiorentino, preparata con premura ed occhio attento alla tradizione dai molti banchi di strada che ancora animano le strade della città toscana.


Trovate il vostro Bed and Breakfast Firenze ed avventuratevi nelle strade traboccanti di storia, troverete rapidamente un banchino del trippaio, accostatevi, saturate le vostre narici delle magie olfattive che se ne dipartono e poi chiedete il vostro panino con il lampredotto.


Lasciato lessare in acqua insaporita con pomodoro, cipolla, prezzemolo, sedano, sale e pepe, il lampredotto si svelerà alle vostre papille gustative con un florilegio di sapori che, con la guida del trippaio, si faranno vivi in tutte le loro sfumature. Fatevi condurre alla scoperta dei vari condimenti e delle possibili variazioni, dal classico sale e pepe, alla storica salsa verde ed all'olio piccante. Se vi domandano se volete il “panino bagnato” sappiate che vi stanno chiedendo se desiderate anche un po' del brodo di cottura ad insaporire ulteriormente il tutto...a voi la decisione!


Giacché|Poiché|Visto che] stiamo viaggiando per sapori poveri e tradizionali scendiamo un po' a sud e andiamo a Roma, capitale dello stato, della cultura nazionale e mondiale e centro di eccellenza di una tradizione culinaria dei tempi andati, che si caratterizza ancora oggi per concedere ai suoi estimatori piatti poveri, ma abbondanti di suggestioni e di rimandi ad una cultura popolare mai del tutto abbandonata.


Su tutto spicca il Cacio e Pepe, vertice della facilità di elaborazione e dell'esplosione di gusto.


Prenotate uno dei svariati Bed and Breakfast Roma di OneClick e uscite dalla vostra sistemazione per mettere le gambe sotto un tavolo di una delle trattorie alla buona che facili da trovare in città, accomodatevi e domandate gli spaghetti cacio e pepe.


Scoprirete come il formaggio di pecora grattato mescolato con l'acqua in cui ha cotto la pasta, vada a fare una deliziosa crema che ornata con una macinata di pepe nero, va a formare un capolavoro della tavola!


Non tralasciate di farvi portare a tavola una bottiglia di vino rosso per brindare alla vostra gita e godere nel miglior modo possibile questo sorprendente piatto paesano.


Ora siete pronti per visitare la città. Roma è intorno a voi, un museo ”open air” ricco di meraviglie pittoriche ed architettoniche ad ogni strada, secoli di storia che aspettano solo di essere ogni giorno scoperti e ritrovati, girovagate, smaltite i cacio e pepe e poi procedete alla scoperta di una nuova curiosità della cucina romana!

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl