Trasporto di liquidi oltre la sicurezza aeroportuale

23/nov/2011 12.39.28 alexander77 Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Martedì 8 novembre. Una recente indagine condotta dagli specialisti dei voli economici, Skyscanner.it, ha rivelato che il 28% dei viaggiatori ha 'contrabbandato' dei liquidi alle postazioni di sicurezza degli aeroporti, chi accidentalmente, chi nella piena consapevolezza che stava infrangendo delle regole.

Quasi 1000 persone hanno risposto al sondaggio, rivelando che il 42% crede che la legislazione vigente sia troppo restrittiva in generale, mentre il 18% lamenta il fatto che aeroporti diversi sembrano avere avere regole diverse e che l'attuale normativa dovrebbe essere standardizzata in tutti gli aeroporti del mondo. Solo il 2% ritiene che la legislazione non ci sia andata troppo lontano.

Tuttavia, nonostante queste regole forse eccessivamente restrittive, uno scioccante 4% degli intervistati ha ammesso di aver intenzionalmente nascosto dei liquidi durante i controlli di sicurezza, facendola franca.

Yara Paoli di Skyscanner, ha commentato:

"La regola dei '100ml 'per i liquidi è certamente uno degli aspetti più fastidiosi del volare, quindi non sorprende sapere che così tante persone abbiano portato con se una quantità 'illegale' di liquidi attraverso la sicurezza, però il fatto che una parte dei viaggiatori lo abbia fatto intenzionalmente e ci sia riuscito è più che preoccupante".

"E 'importante ricordare che queste restrizioni sono in atto per un motivo, comunque, la maggior parte dei viaggiatori è favorevole a soluzioni tecnologiche di sicurezza più avanzate, fattore che consentirebbe di applicare restrizioni più soft oppure di eliminarle del tutto".

Nel 2009 era stato annunciato che nuovi scanner a raggi X, in grado di individuare esplosivi liquidi, erano in fase di sperimentazione, cosa che poteva significare un rilassamento delle restrizioni sui liquidi in 'appena 12 mesi'. Tuttavia, da allora, le regole sono rimaste le stesse e senza alcuna indicazione su come o quando le imposizioni restrittive potrebbero cambiare.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl