DIAGNOSI PRECOCE PER LA SCLERODERMIA: AILS CHIEDE LA COLLABORAZIONE DEI MEDICI DI BASE

24/nov/2011 21.59.30 Cristina Mattiello Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

DIAGNOSI PRECOCE PER LA SCLERODERMIA: AILS CHIEDE LA COLLABORAZIONE DEI MEDICI DI BASE            

L'Associazione Italiana alla Sclerodermia invia ai 27.250 medici di Medicina Generale una richiesta di collaborazione per una diagnosi precoce.

MILANO, 24 novembre 2011 - La sclerosi sistemica o sclerodermia è una complessa malattia cronica sistemica del tessuto connettivo caratterizzata da diffuse alterazioni vascolari e da fibrosi ed indurimento della cute e di alcuni organi. Il fenomeno di Raynaud è un disturbo vasospastico associato (nel 95% dei casi) scatenato dall’esposizione alle basse temperature e/o da stati emotivi e che rappresenta uno dei primi sintomi della sclerodermia. La vasocostrizione delle piccole arterie alle estremità (mani, piedi e più raramente naso, orecchie, lingua ecc…) è dovuta ad una riduzione acuta dell’afflusso del sangue, questa mancanza fa sì che le dita delle mani siano prima bianche e fredde, poi bluastre ed infine rosse.

Il medico di base è il primo interlocutore di un possibile paziente sclerodermico e per questo il riconoscimento tempestivo e precoce del disturbo può ritardare al malato la disabilità e, nei casi più gravi, salvargli la vita.

AILS, Associazione Italiana Lotta alla Sclerodermia, da mesi è impegnata in una campagna di sensibilizzazione e di informazione rivolta ai medici di medicina generale, chiede un’attenzione particolare per i pazienti che presentano il fenomeno di Raynaud e la possibilità di prescrivere due semplici esami: la capillaroscopia alle mani ed un esame del sangue, gli anticorpi antinucleo (ANA), che potranno confermare o escludere la malattia. Di fronte ad un esito positivo di Sclerosi sistemica, il malato deve essere indirizzato, al più presto, in un Centro di Reumatologia o Immunologia. L’inizio della terapia in uno stadio presclerotico può rallentare l’aggressività della malattia.

E’ la prima volta che un’iniziativa di questo tipo viene adottata in Italia su così vasta scala ed AILS conta di ottenere buoni risultati anche in considerazione del fatto che, ad oggi, sono 17.050 i medici raggiunti dall’informativa! Il progetto terminerà a gennaio con la spedizione delle ultime 10.150 lettere.

Per avere ulteriori informazioni, vedere il sito di AILS, Associazione Italiana Lotta alla Sclerodermia www.ails.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl