Le isole Egadi

Le isole Egadi L'arcipelago delle isole Egadi comprende le tre isole: Favignana, la più grande (33 kmq), Marettimo (12 kmq) e Levanzo (10 kmq), oltre ad alcuni isolotti e scogli (l'isola di Formica e gli scogli di Maraone e dei Porcelli).

Luoghi Troia, Isola di Favignana, Isole Egadi, Isola di Marettimo, Isola di Levanzo
Argomenti idrografia, marina, zoologia, edilizia

08/feb/2012 10.44.47 Provincia Regionale di Trapani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Le isole Egadi

L'arcipelago delle isole Egadi comprende le tre isole: Favignana, la più grande (33 kmq), Marettimo (12 kmq) e Levanzo (10 kmq), oltre ad  alcuni isolotti e scogli  (l’isola di Formica e gli  scogli di Maraone e  dei Porcelli).

L’Isola di Favignana, con una caratteristica foma di farfalla distesa sul mare  e le sue splendide acque turchesi, è la più pianeggiante delle Egadi e merita sicuramente un giro in paese, tra lo Stabilimento Florio, recentemente restaurato, e Piazza Madrice, con la chiesa del XVII secolo.

Da visitare:  Bue Marino, a picco sul mare, dove si riunivano un tempo le foche monache; Grotta Perciata, dove il mare penetra sotto un ponte di roccia ricomparendo in uno specchio d’acqua a cielo aperto, riparo per poche barche di pescatori; il Faro di Punta Libeccio, costruito in pietra nel 1860, con la sua torre ottagonale alta 50 metri; il Lido Burrone  e le splendide Cala Azzurra e Cala Rossa.

L’isola di Levanzo, con un  paese di basse casette bianche sulla scogliera e con acque azzurre e limpidissime, conserva  tracce dell'uomo preistorico. Nella grotta del Genovese sono infatti conservati dei famosi graffiti preistorici.

Da visitare: Cala Minnola,  situata a  nord-est dell'isola, dove è possibile, con l’assistenza di una guida subacquea autorizzata, visitare i resti di un antico relitto di età romana, Cala Tramontana,

Marettimo, la grande montagna, è l'antichissima Hiera, "Isola Sacra". Da visitare:  Il castello di Punta Troia, edificato in periodo normanno (circa 1140) sui resti di una preesistente torre di avvistamento, in seguito usato anche come carcere.  Dal piccolo centro abitato, un susseguirsi di case di pescatori racchiuse tra lo Scalo vecchio e quello nuovo, si possono raggiungere, con un suggestivo giro in barca, le numerose e suggestive grotte, tra cui quelle del Cammello, del Tuono e del Presepio.


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl