PRN: Sul web vanno in scena le due facce dell'Italia nell'anno della crisi: quella che affitta e quella che compra Casa

PRN: Sul web vanno in scena le due facce dell'Italia nell'anno della crisi: quella che affitta e quella che compra Casa.

Persone Giuseppe Garibaldi
Luoghi Roma, Italia, Firenze, Bologna, Sud, Napoli, Genova, Torino, Milano, Vercelli, Foggia, Palermo, Reggio Calabria, Venezia, Bari
Organizzazioni Banca d'Italia
Argomenti commercio, economia, pubblicità

29/feb/2012 13.16.48 PR Newswire Turismo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Sul web vanno in scena le due facce dell'Italia nell'anno della crisi: quella che affitta e quella che compra Casa

 
[2012-02-29]
 

MILANO, Italia, February 29, 2012 /PRNewswire/ --


Da www.kijiji.it - La TOP CHART degli annunci di Case on line

Kijiji, sito on line dedicato alle inserzioni gratuite locali, ha rilasciato i dati della compravendita e degli affitti di Case in Italia, disegnando una 'cartina simbolo' delle città che investono ancora nel mattone e quelle che, invece, prediligono la locazione di immobili. L'indagine fotografa un'Italia divisa in due: chi compra - Genova, Bologna, Milano e Roma ad esempio - e chi affitta - come Torino, Bari e Palermo.

A Milano, inoltre, gli effetti dell'AreaC stanno già cominciando a farsi sentire, anche sul web!

- Kijiji, sito on line di annunci gratuiti che registra circa 3.000.000 di inserzioni di cui quasi 1.000.000 riguardano gli affitti e le vendite di Case, ha condotto un'indagine interna al sito per scoprire come le città italiane, rispondono alla crisi economica. Chi, ad esempio, nel 2012 compra ancora casa? E chi, al contrario, la affitta?

 

Secondo quanto rilevato da Kijiji, l'Italia in rete si divide in due: da una parte le città che investono nel mattone (+25% in media di inserzioni vendita), dall'altra quelle che, forse per effetto della crisi, prediligono la locazione di immobili (+ 35% di inserzioni di affitto). A contribuire, in alcuni casi, anche le novità introdotte in alcune città italiane. Come l'area C di Milano, ad esempio, che ha comportato, anche sul web, un fuggi fuggi generale.

Il mattone come bene rifugio? A Milano, Roma, Genova, Firenze, Venezia, Bologna, Napoli…

Secondo i dati elaborati da Kijiji.it, in alcune città italiane il mattone è visto, anche oggi, come uno dei pochi beni rifugio. Il numero delle inserzioni relative alla compravendita di immobili su kijiji resta infatti stabile e anzi migliora a Milano, Roma, Genova, Firenze, Venezia, Bologna, per citarne alcune.

Comprare una casa risulta quindi essere, anche in questi anni difficili, un investimento positivo. A confermarlo i numeri: se tra gli annunci a Milano kijiji registra circa 23.500 inserzioni dedicate alla locazione di immobili (monolocali, bilocali, trilocali, ma anche quadrilocali e case indipendenti), sono ben il doppio quelle dedicate, sempre a Milano, alla vendita di case (circa 54.000 annunci). Un divario che si fa più netto se si parla di bilocali (11.000 VS 35.000) e si abbassa leggermente se si tratta di monolocali (23.000 VS 38.000).

Stessa tendenza registrata anche nella Capitale, dove gli annunci di vendita immobili sono ben 60.000 contro gli 'appena' 20.000 di affitti.

Il dato confermato anche nelle altre città: Genova ad esempio, con 5000 inserzioni dedicate agli affitti contro le oltre 18.000 dedicate alla vendita; Napoli registra 8.000 per gli affitti e 14.000 per le vendite; segue Venezia con 2.700 VS 18.000; Firenze con 7.000 Vs 24.000; e infine Bologna con 8.600 annunci di locazione contro i 18.000 dedicati invece alla vendita di immobili.

A Torino, Bari, Palermo, chi cerca un monolocale o un bilocale lo preferisce in affitto!

Se la ricerca si fa più dettagliata, ecco spuntare su http://www.kijiji.it le città che, in epoca di crisi, optano per una soluzione più economica (almeno nel breve), che non comporti investimenti eccessivi e impegni di lungo periodo.

Digitando la parola 'Monolocale' e 'Bilocale' a Torino, ad esempio, gli annunci di affitto battono quelli di vendita di circa il 35%; stessa situazione per Palermo (30% di annunci di affitto in più) e Bari (circa il 15%).

La ragione della scelta è da ritrovarsi, il più delle volte, nella mancanza di lavoro, problema particolarmente sentito nelle città del sud Italia come Palermo e Bari, dove il tasso di disoccupazione, tra i ragazzi di età compresa fra i 15 e i 24 anni,  è pari al 38,8%, con un apice del   40,6% per le donne, cui va ad aggiungersi una grande fetta di lavoratori irregolari (Fonte: Rapporto 2010 del Sud).

Stessa situazione a Torino, la città che, sin dagli anni 60, ospita gran parte dell'emigrazione meridionale, soprattutto quella delle provincie di Foggia, Bari e Reggio Calabria (al punto che alla fine degli anni '60 era diventata la terza più grande città "meridionale" d'Italia dopo Napoli e Palermo). Il tasso di disoccupazione, pari al 7,5% nel primo semestre 2011, è il più alto tra le regioni del Nord e ormai ai livelli delle regioni del Centro-Sud (Fonte: Banca d'Italia).

Il più delle volte si tratta quindi di una scelta obbligata: nonostante l'affitto non rappresenti un investimento, tra contratti di lavoro provvisori e condizioni economiche decisamente instabili, diventa difficile anche poter accendere un mutuo.

Milano, effetto Area C: chi viveva in centro, oggi fugge in periferia.

Opta per l'affitto anche chi, prediligendo zone non periferiche, non può permettersi la spesa elevata che comporta l'acquisto di una casa in pieno Centro. Per questo motivo, a Milano, zone 'residenziali e benestanti' come Fiera, Vercelli, Repubblica, Garibaldi, Torino - per citarne qualcuna - registravano su Kijiji un'abbondanza di inserzioni dedicate ad appartamenti in affitto, con un ottimo riscontro da parte degli utenti.

È dell'ultimo periodo, però, l'introduzione a Milano del ticket destinato all'AreaC che comporta l'esborso di 5 euro per poter circolare. Gli effetti della nuova normativa si stanno già facendo sentire sul web e in particolare su Kijiji, con una diminuzione di inserzioni di chi cerca casa nelle suddette aree di circa il 15% e una crescita di annunci gratuiti di chi, invece, la casa intende venderla per 'fuggire' altrove, pari a circa il 10%.

Un numero che, presumibilmente, è destinato a salire. Basti pensare agli effetti negativi che, l'introduzione dell'AreaC, ha avuto sul commercio in periodo di saldi: un bel 50% secco di vendita in meno, assicurano - da Assomab - 'manca clientela, non passa più nessuno!', affermano i commercianti.

http://www.kijiji.it  è il sito dedicato agli annunci locali fondato su un meccanismo intuitivo e gratuito per mettere direttamente in contatto chi cerca e chi offre e utile per chi deve cambiare casa, città o abitudini di vita. Sul sito si trovano (e si cercano, vendono, scambiano, condividono, offrono): animali, immobili, servizi, tempo libero, offerte di lavoro, corsi e lezioni, annunci personali, veicoli, compra e vendi, viaggi … con annunci divisi per categoria, per una ricerca facile e immediata.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl