Conosciamo Torino e Bologna: innovativi sguardi sui 2 centri del Nord Italia

09/apr/2012 15.02.12 luca Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Dal dieci fino al quattordici maggio prossimo venturop.v.] il Salone del Libro di Torino compie i suoi primi venticinque anni di vita, un evento che durante questo scorcio di secolo si è caratterizzato come punto di riferimento dell'editoria mondiale e che a contribuito al radicale cambiamento del centro piemontese. Da centro satellite delle grandi aziende che operavano sul territorio, Torino si è infatti gradualmente trasformata in punto fermo per la cultura, il design e l'arte in generale, levandosi di dosso quell'etichetta di piattume che troppo a lungo ha caratterizzato la storica capitale dello stato.


Il percorso evolutivo che ha contrassegnato questi venticinque anni verrà presentato da una serie di 7 serate ad accesso libero che si svolgeranno presso il Circolo dei Lettori di Via Bogino, nel cuore della città e comodamente raggiungibile dai molti Hotel nel centro di Torino su questo sito, che affronteranno con i presenti i temi fondamentali della metamorfosi cittadina, costituendo così un adeguato percorso di avvicinamento Salone vero e proprio.


Quest'ultimo, vicino alle ultime novità dell'editoria, presenterà un percorso esplicativo del vicino passato della città della Mole attraverso i venticinque oggetti che più hanno rappresentato il nuovo corso del vivere della città.


Nel medesimo periodo, la notte del dodici maggio, un altro capoluogo del settentrione illustra ai suoi concittadini il ritrovamento di un'anima troppo spesso obliata: a Bologna infatti, il Consorzio dei Canali di Reno e Savena in Bologna organizza la II° edizione della Notte Blu. Iniziata nel duemilaundici per rammentare a tutti che oltre che Capitale della Cultura, Ghiotta e Rossa, Bologna è anche città d'acqua, di canali e di reticoli ipogei.


Per l'intera notte ci sarà possibilità di scoprire l’Opificio della Grada, lo Spazio Capo di Lucca, i Bagni di Mario, il Museo del Patrimonio Industriale, le Terme, il canale delle Moline ed altri siti normalmente chiusi al pubblico, mentre le strade della città saranno rese vive da installazioni e shows. Consigliamo perciò a tutti di prenotare un Hotel nel centro di Bologna su questo sito e di immergersi all'esplorazione di un lato inaspettato della città dell'Emilia e passare una serata magica ammirando per una volta una Bologna diversa sotto le torri.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl