Il MIC dà i numeri del 2005

20/mar/2006 04.44.07 Pierluigi Papi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

IL MIC DÀ I NUMERI DEL 2005

 

 

Giusto il tempo di raccogliere e rielaborare un po’ di dati e il Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza è pronto a fornire qualche numero statistico in merito all’attività svolta nell’arco del 2005. Numeri utili alla direzione del MIC per improntare nuove strategie e attuare miglioramenti per fornire ai visitatori un servizio sempre migliore, attento e di qualità.

Innanzi tutto le presenze annuali che sono state oltre 28.000 (per la precisione 28.288). Una cifra pressoché costante dal 2002 ad oggi (le maggiori presenze registrate nel 2003 erano legate allo straordinario afflusso di pubblico legato alla grande mostra delle ceramiche provenienti dal Museo dell’Ermitage”), a testimonianza della buona rendita di posizione che fa del MIC una realtà consolidata al pari dei più importanti Musei d’Italia. I mesi che hanno fatto registrare il massimo afflusso di visitatori sono stati ottobre (3.213 presenze, pari al 12%) e settembre (3.089 presenze, 11%), in corrispondenza della prestigiosa mostra di Fukami che non ha mancato di richiamare visitatori da tutte le parti d’Italia. Mentre il mese meno frequentato è quello di gennaio (1.188 presenze, 4%), notoriamente un mese poco proficuo per il turismo culturale.

Il giorno maggiormente frequentato risulta essere la domenica (con il 27% dei visitatori totali), mentre i rimanenti giorni della settimana hanno un afflusso abbastanza omogeneo (fra il 13 ed il 17%). L’analisi effettuata ha anche stabilito che il maggior numero di presenze si registra nel corso della mattinata, in particolare fra le 9 e le 11 (con il 43% di visitatori), essendo il turismo scolastico quello privilegiato fra i molti.

Ma da dove arrivano i visitatori del MIC? Per quanto riguarda l’estero, principalmente da Usa ed Europa, con presenze anche dall’Australia e dall’Oriente. Dall’Italia, invece, i visitatori provengono un po’ da tutte le regioni, con predominanza di quelle del centro-nord della penisola. Oltre l’Emilia Romagna, che ovviamente detiene il record con il 27%, numerosi sono anche quelli che arrivano dalla Lombardia (14%), Veneto (8%), Toscana (7%) e Lazio (6%).

Interessanti informazioni sono emerse anche dall’elaborazione dei questionari raccolti fra i visitatori. Le motivazioni che portano una persona a recarsi al MIC sono principalmente legate ad un proprio interesse (52%) e di norma ci si reca con la famiglia (51%) o in gruppo (31%). Elevata è la percentuale (20%) di persone che si trovano a trascorrere un soggiorno, anche breve, a Faenza e decidono di visitare il Museo. Oltre la metà dei visitatori hanno inoltre dimostrato interesse per le collezioni esposte, esprimendo favori positivi anche sugli allestimenti, che per l’89% degli intervistati valorizzano appieno le collezioni, permanenti e temporanee.

Ma il MIC non è “soltanto” un Museo. Infatti, oltre ai numeri sopra esposti, che si riferiscono esclusivamente al percorso museale, meritano attenzione alcuni altri dati legati al fatto che il MIC è anche un centro di studio e di didattica. I laboratori “giocare con l’arte” ospitano infatti tutto l’anno studenti e docenti di scuole di ogni ordine e grado, dalle materne alle superiori. Nell’anno scolastico 2004-2005 le presenze totali sono state oltre 10.000. Come numerose sono anche gli utenti della Biblioteca del MIC, un luogo assolutamente unico dove sono disponibili alla consultazione oltre 58.000 volumi tematici dedicati alla ceramica. Frequentata principalmente da studenti, insegnanti, studiosi ed esperti del settore per lo svolgimento di ricerche, tesi di laurea e pubblicazioni, nel corso del 2005 la biblioteca è stata “consultata” da 1291 persone.

Infine, per concludere, una curiosità che dà la dimensione e l’importanza del MIC anche a livello mondiale. Infatti, nel “museo virtuale” consultabile dal sito www.micfaenza.org (circa 1.300 pagine cui ne vanno aggiunte altre 500 pubblicate nello spazio di Faenza Ceramica News) e nell’analogo dominio a indirizzamento derivato dalla rete civica provinciale (www.racine.ra.it/micfaenza) sono state visitate circa 850.000 pagine, con un trend di visitatori on line in forte crescita

 

Ufficio stampa Coop. Aleph:

Pierluigi Papi tel. 338 3648766 papi@coopaleph.it

Tatiana Tomasetta tel. 338 9179905 tatianatomasetta@libero.it

Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza Viale Baccarini 19 Faenza

Tel 0546 697311  Fax 0546 27141  www.micfaenza.org

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl