Concediti una super estate sportiva e culturale Londinese!

10/ago/2012 14.53.42 Moni88 Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Non avete ancora visitato le famose attrazioni Londinesi : , la National Gallery, Torre di Londra , Kew Gardens...? E' arrivato il momento di farlo! L’estate è il momento migliore in assoluto per visitare Londra; le giornate si fanno più calde insieme all’atmosfera di tutta la città. Quest'estate soprattutto con i giochi del 2012 che si stanno svolgendo in diverse parti della città.

 

Londra, infatti, ha visto alcuni dei più grandi talenti artistici e letterari al mondo recarsi nella capitale britannica in occasione di uno straordinario festival delle arti, e chi ha raggiunto la città per assistere ai giochi potrà desiderare prendersi una pausa da tanto sport per far visita ai magnifici musei e alle fantastiche gallerie londinesi. Per questo motivo abbiamo pensato di stilare un elenco dei siti culturali della città assolutamente da non perdere.

1.     National Gallery

Quale luogo migliore dove iniziare un tour artistico di Londra se non la sublime National Gallery? Contenente alcune delle opere d'arte più note al mondo, questo maestoso edificio non può passare inosservato agli appassionati d'arte in visita nella capitale britannica.

In questi giorni è possibile assistere alla mostra “Metamorphosis: Titian 2012”: un'emozionante rassegna delle opere di Tiziano, incentrata su tre capolavori del maestro: “Diana e Atteone”, “La morte di Atteone” e il recente acquisto “Diana e Callisto”. I tre straordinari dipinti rappresentano gli episodi narrati dal poema epico di Ovidio “Le metamorfosi" e per la prima volta dal XVIII secolo è possibile ammirarli insieme.

Oltre ai tre capolavori, la mostra accoglie opere recenti degli artisti contemporanei Chris Ofili, Conrad Shawcross e Mark Wallinger, realizzati grazie alla collaborazione del tutto eccezionale con il Royal Ballet.

In più, oltre alle tele di Tiziano, agli avvincenti versi di Ovidio hanno fatto eco tre poeti di spicco: Carol Ann Duffy, Seamus Heaney e Simon Armitage.

Una mostra coinvolgente che resterà aperta fino al 23 settembre, un imperativo per gli appassionati in visita a Londra.

2.     Tate Modern

Che siate o no amanti dell'arte contemporanea, val sempre la pena far visita alla Tate Modern. Nel corso degli anni il fascino di questa galleria ha ospitato numerose opere che hanno sfidato la comune percezione dell'arte, scatenando polemiche mediatiche. In mostra in questi giorni, fino al 9 settembre, Damien Hirst, personalità di spicco e tra i più noti artisti britannici, che nel corso di una lunga carriera ha realizzato opere provocatorie che hanno diviso la critica.

In mostra le sculture figurative tratte dal ciclo “Storia Naturale”, tra cui “L'impossibilità fisica della morte nella mente di un vivo” (1991), uno squalo sospeso in formaldeide. Tra le altre opere di rilievo, “A Thousand Years” (1990), farmaci, pillole e armadietti portastrumenti, oltre a lavori degni di nota realizzati nel corso della carriera utilizzando mosche e farfalle insieme a cerchi e spirali. I fan di Hirst saranno felici di poter vedere riunite, dal 1991, anno della realizzazione, le due parti che costituiscono il complesso di “In and Out of Love”. “Pharmacy” (1992) è un'altra opera di rilievo.

3.     Queen's Gallery a Buckingham Palace

Nel corso dell'ultimo anno gli occhi del mondo sono rimasti puntati sulla famiglia reale, grazie al sontuoso matrimonio di William e Kate e al Giubileo della Regina, con il quale è divampata la febbre dei festeggiamenti. Una visita alla Queen's Gallery di Buckingham Palace è un'occasione per avvicinarsi ai reali d'Inghilterra. Attualmente è ospitata la mostra “Leonardo da Vinci: Anatomist”, un’occasione unica per immergersi nell'impresa del celeberrimo artista alla scoperta dell'anatomia umana. Maestro indiscusso del Rinascimento, Leonardo fu altresì tra i pionieri della ricerca anatomica sull'uomo. Tra i suoi progetti vi era anche la pubblicazione di un'opera innovativa in questo campo, in forma di trattato. Se fosse riuscito nell'intento, le sue scoperte avrebbero rivoluzionato le conoscenze anatomiche di tutta Europa. Purtroppo morì nel 1519, e le sue conoscenze restarono celate al mondo per 400 anni.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl