"PANE NOSTRUM" - Festa internazionale del Pane - Senigallia (AN) 19-20-21 settembre 2003

08/set/2003 16.11.41 Giovanni Sonego Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

“PANE NOSTRUM”

Festa internazionale del Pane

Senigallia (AN) 19 . 20 . 21 settembre 2003

Dal 19 al 21 settembre 2003 nella splendida cornice di Senigallia (Bandiera Blu d’Europa, città turistica  nota non solo per il suo bellissimo mare e la spiaggia di velluto, ma anche per l’impronta che la storia ha lasciato entro le sue antiche mura, e per il suo entroterra, sulle colline marchigiane, dove si erigono, a poca distanza l’uno dall’altro, molteplici paesini e città medievali di grande fascino), si terrà la terza edizione di “Pane Nostrum”, festa internazionale del pane. Appuntamento con la qualità, la tipicità ed i sapori delle tradizioni panificatorie delle varie regioni d’Italia e del mondo. “Un affascinante viaggio nella storia e nella geografia del pane.”

Senigallia torna ad aprire i suoi forni a cielo aperto, dove si potranno gustare pani di ogni tipo, dai più conosciuti alle specialità realizzate dai panificatori dell’area marchigiana, i panificatori di una regione d’Italia ogni anno diversa (quest’anno è la volta della Liguria che proporrà la Focaccia Ligure), ed i panificatori d’Europa (Chester - Inghilterra, Lorrach - Germania e Sens - Francia), assaporandone le diverse fragranze e sentendo in ogni angolo della città il profumo di pane appena sfornato.

All’interno della manifestazione convegni ed iniziative culturali come il villaggio storico, allestito nei giardini della quattrocentesca Rocca Roveresca, che ripercorre la storia della nascita del pane. Dopo la Mesopotamia e l’Antico Egitto, quest’anno sarà la volta dell’Antica Grecia.

Una sezione particolare dell’evento sarà dedicata al “Pane in Cucina”. Con il pane raffermo si può infatti realizzare un pasto completo: dall'antipasto di crostini al dolce (torte e soufflé), la nostra fantasia si può sbizzarrire. Un area di ristorazione specializzata con cuochi, spuntini e ricette da copiare…

Pane Nostrum si svolgerà nella storica Piazza del Duca (e nella vie adiacenti) e negli ampi giardini della Rocca Roveresca davanti alla piazza.

Giunto al terzo anno, “Pane Nostrum”, che nelle precedenti edizioni ha incontrato un fortissimo consenso di pubblico (una larga parte del quale venuto appositamente da varie città d’Italia per trascorrere un week-end gastronomico culturale) e si avvia a diventare un appuntamento fisso per la città di Senigallia, vestendosi di nuove proposte ed  intenti, continua con sempre maggior forza il suo percorso di evento internazionale, valorizzando quelli che rappresentano i punti cardine su cui si basa la manifestazione: qualità, tradizione, tipicità. Tra i temi fondamentali dell’evento, quello intrapreso nel 2001 con il Filone Marchigiano di Filiera. Un pane realizzato secondo le regole della “tracciabilità”, in modo che il consumatore sia in grado di conoscere il seme del grano (privilegiate le varietà locali tradizionali), il luogo in cui il grano è stato coltivato e raccolto, secondo un metodo a basso impatto ambientale, l’operatore che lo ha trasformato in farina e, come ultima fase della filiera, il panificatore che lo ha preparato.

La Confederazione Italiana Agricoltori (CIA) e l’Associazione Italiana Panificatori (ASSIPAN) aderente a Confcommercio che hanno fortemente cercato ed attuato l’accordo per la realizzazione di questo progetto che coniughi l’alta qualità con una adeguata informazione al consumatore, continuano questo importante percorso nell’edizione 2003 di Pane Nostrum.

Un viaggio nella cultura del pane, intesa come riscoperta delle origini e dei valori che raccontano le antiche tradizioni panificatorie fino ad arrivare ai giorni nostri, attraverso la presentazione delle  produzioni tipiche e dei relativi territori di provenienza.

Pane Nostrum è una manifestazione del Comune di Senigallia, in collaborazione con Assipan, Confcommercio e Cia, con la partecipazione della Provincia di Ancona, della Camera di Commercio di Ancona e della Regione Marche.

Anche quest’anno l’Associazione Città del Pane ®, che promuove il riconoscimento e la valorizzazione dei pani e delle tipologie specifiche di pane legate a determinati territori, offre la sua preziosa collaborazione a “Pane Nostrum”.

I Forni

La caratteristica di Pane Nostrum è stata fin dalla prima edizione quella di avere forni  a cielo aperto e panettieri che lavorano davanti ad un pubblico interessato ed incuriosito. Quest’anno tre laboratori ospiteranno rispettivamente:

Le tipicità: Il Pane di Serra, Il Pane de La Terra e il Cielo, il Filone Marchigiano Di Filiera.

Il pane delle città gemellate: ognuna delle città europee (Chester- Inghilterra, Lorrach - Germania e Sens - Francia) presenterà al pubblico la propria specialità.

Il pane della regione ospite: i panificatori della Liguria ci faranno conoscere la Focaccia Ligure.

Venerdì 19 settembre ore 16,30 - 20,00

Sabato 20 e domenica 21 settembre Mattino ore 9,00 - 13,00 Pomeriggio 16,30 - 20,00.

Pane in Piazza

Ogni tipo di pane presentato alla manifestazione potrà essere acquistato e gustato in tutta la sua fragranza, ancora caldo, tutti i giorni della manifestazione.

Venerdì 19 settembre ore 16,30/20,00      

Sabato 20 e domenica 21 settembre mattino 10,00/13,00 e pomeriggio 16,30/20,00

Il villaggio storico  “l’Antica Grecia”

Quest’anno, dopo il primo pane della Mesopotamia presentato nell’edizione di Pane Nostrum 2001 e quello dell’Egitto nell’edizione 2002, è la volta del pane dell’Antica Grecia.

Cinquanta, secondo alcuni addirittura settantadue, erano i tipi di pani dell’Antica Grecia, confezionati con le farine più diverse che andavano dalla farina di segale a quella d'avena. I greci, che conoscevano il lievito grazie ai continui scambi con l’Egitto, furono i primi ad occuparsi di panificazione in modo per così dire “industriale”, furono loro, infatti, a istituire il lavoro notturno e riunirsi in corporazioni. Nacquero, allora, i primi forni pubblici dove anche le “casalinghe” portavano a cuocere il pane che avevano impastato a casa.

Così, il viaggio nella storia del pane che ha suscitato grande interesse nel pubblico fin dalla prima edizione, continua.

Sul prato della Rocca Roveresca una suggestiva ed interessante ricostruzione storica con l’animazione di attori in costume.

Da lunedì 15 a domenica 21settembre tutte le mattine dalle 9,00 alle 12,30

Il 19 - 20 - 21 settembre dalle 16,30 alle 21,00


Il Pane in Cucina

La cultura di tutti i tempi e di tutti i popoli ha conferito al pane una sacralità che costituisce anche un impegno quotidiano sia per la conservazione (dalla madia al congelatore) che per l'uso del pane "vecchio". Sin da bambini si impara a rispettare il pane, a non sprecarlo, la cultura contadina poi ci insegna che, quando proprio non può essere mangiato o usato per altri cibi, può sempre alimentare molti animali domestici.

Con il pane raffermo si può anche realizzare un pasto completo: dall'antipasto di crostini al dolce (torte e soufflé) la nostra fantasia si può sbizzarrire.

Ed è proprio alle ricette che hanno come ingrediente il pane raffermo che affidiamo “Il Pane in Cucina”. In una moderna area di ristorazione, si potrà cenare assaggiando alcuni piatti regionali realizzati utilizzando, fra gli altri ingredienti, il pane, preparati dal rinomato Istituto Alberghiero Panzini di Senigallia. Nel pomeriggio, oltre a seguire la preparazione dei vari piatti sarà possibile copiarne le ricette. Esperti cuochi saranno disponibili a rispondere alle domande di chi vorrà saperne di più.    

19 - 20 - 21 settembre dalle 18,00 alle 19,00 si potranno imparare ricette di pane

19 - 20 - 21settembre dalle 19,00 alle 22,00 per cenare

 

La didattica

Lo spazio proporrà, la mattina ai più piccoli, il gioco di fare il pane. Un programma di conoscenza del pane dove poter impastare e cuocere i piccoli pani realizzati.

Dal lunedì 15 alla domenica 21 dalle 9,00 alle 12,30

Nel pomeriggio l’area della didattica sarà dedicata a quegli adulti che volessero imparare a fare il pane, la pizza e le focacce. Un esperto darà dimostrazioni pratiche e risponderà ai quesiti che gli verranno posti.

19 - 20 - 21 settembre dalle 16,30 alle 20,00

In questa stessa area ci sarà un panificatore della città di Cremona che realizzerà vere e proprie opere d’arte di pane

19 - 20 - 21 settembre dalle 16,30 alle 20,00

 

L’Angolo di Pollicino è uno spazio dedicato ai visitatori più piccoli: giochi, fiabe, percorsi, merende. Le animatrici della ludoteca Stranalandia, ogni giorno dalle ore 17,00 alle 18,30 nel giardino della Rocca Roveresca accoglieranno i bambini per un momento di divertimento.

 

Pane e…

Per quanto buono, il pane che sia un filone, un morbido panino al latte, una fragrante baguette, molto spesso, più che solo ci piace accompagnato.

Si potrà allora percorrere “la strada delle fattorie”  con le eccellenze enogastronomiche della “Marca di Ancona” che la C.I.A. della provincia di Ancona propone, e fare gustosi accostamenti fra pane e…salame di Frattula, pane e…formaggio pecorino, pane e…lonzino, ritrovando i buoni sapori del passato con le aziende di oggi.

19 settembre dalle 17,00 alle 21,00

20 - 21 settembre mattino 10,00 / 13,00 - pomeriggio dalle 16,30 alle 21,00
 

 

Enoteca vini e…

Uno spazio dedicato a degustazioni e percorsi guidati con abbinamenti di vini a prodotti tipici marchigiani. L’enoteca della Regione Marche sezione di Jesi, gestita dall’Assivip, l’associazione che accoglie i migliori produttori vinicoli delle Marche, offre la possibilità di degustare pregiati vini marchigiani accompagnati da pane e prelibatezze tipiche. Per quanti vorranno conoscere meglio le caratteristiche dei nostri vini, Assivip organizza degustazioni guidate da esperti sommelier per scoprire tutte le magie del Verdicchio dei Castelli di Jesi, del Verdicchio di Matelica, del Rosso Conero, del Lacrima di Morro d’Alba.

20 settembre ore 18,00 degustazione verdicchi

21 settembre ore 18,00 degustazione vini rossi

 

La trebbiatura…

L’Associazione la S.p.i.g.a. (Strani personaggi inseguono gioie antiche) di Barbara (AN) presenta “la trebbiatura nella campagna marchigiana degli anni ’50”. Nei giardini della Rocca Roveresca una grande trebbiatrice in funzione degli anni ’50, scene di quotidiana vita rurale con gente che lavora, donne che stendono le tovaglie sul prato e preparano il pranzo, i giovani che portano brocche di terra cotta con acqua e limone per dissetare i lavoratori dei campi, canti popolari…

 

I Convegni

Tutti i convegni in programma si terranno nella sala della Biblioteca Comunale.

 

Info per la manifestazione: 071.6629258 - 335.5857551 - www.panenostrum.com


“PANE NOSTRUM”

www.panenostrum.com  

Ufficio Stampa

Alessandro Piccinini
Tel e Fax 071.7922244

Mobile 338.4169263
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl