Crucian Christmas Festival 2006 a St. Croix

Crucian Christmas Festival 2006 a St. Croix The Crucian Christmas Festival: il Carnevale Natalizio di St. Croix Si è aperta il 3 Dicembre per concludersi a Gennaio la celebrazione del tradizionale Crucian Christmas Festival, giunta quest'anno alla 54esima edizione.

19/dic/2006 10.20.00 Thema Nuovi Mondi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

    

The Crucian Christmas Festival: il Carnevale Natalizio di St. Croix

 

Si è aperta il 3 Dicembre per concludersi a Gennaio la celebrazione del tradizionale Crucian Christmas Festival, giunta quest’anno alla 54esima edizione. Nella città di Frederiksted e in tutta l’isola sono previsti più di un mese di festeggiamenti tra ritmi tropicali, danze caraibiche, riti ancestrali, gustose specialità culinarie e bevande dal gusto esotico alla frutta mixata con il Rum di St. Croix.

 

Sette differenti nazionalità hanno governato l’isola dopo lo sbarco della caravella di Colombo: gli spagnoli, gli Olandesi, gli Inglesi, i Francesi, I Cavalieri di Malta, i Danesi e gli Americani. Ebbene, il Crucian Christmas Festival è una sintesi dell’eredità lasciata da ciascuno di questi popoli, rielaborata liberamente dalla tradizione locale in una festa in cui i confini tra sacro e profano, tra cristianesimo e paganesimo, si sfumano in ritmi e ritualità coinvolgenti ed appassionanti

 

Numerose sono le attività previste in calendario. Tra queste meritano particolare menzione i balli, dove dominano incontrastati il Quelbe e il Calypso. Originari delle Isole Vergini Americane questi ritmi nascono dalla fusione tra l’eredità musicale francese, quella africana e quella degli indios. Per suonarli si utilizzano sia strumenti tradizionali che contemporanei: il banjo, l’ukulele, la chitarra, la tastiera e il sassofono si mescolano in un crogiuolo temporale e culturale al cui interno si può persino ascoltare una “Silent Night” suonata al ritmo di Calypso.

 

Durante il mese abbondante di festeggiamenti è prevista anche l’elezione di una Miss St. Croix e la nomina del re e della reginetta della festa durante il Prince & Princess Pageant,

 

Tra concerti, danze e ritmi tropicali non ci si può dimenticare del cibo: è possibile intraprendere un gustoso tour culinario delle Isole Vergini Americane durante la tradizionale Food, Arts and Crafts Fair, tiene al Christian  Dolci natalizi, pasticcini, kallaloo - una specie di zuppa di pesce -, torte viennesi, frutti di mare imbottiti, fried johnny cake bread - una sorta di tortino salato servito solitamente con il pesce o il pollo -, frutti esotici e benye - frittelle di banana fritta -, attendono i palati più curiosi ed esigenti in un vivace incontro di profumi e sapori delle più disparate tradizioni etniche e culturali.

 

Ma il Crucian Christmas Festival dà probabilmente il meglio di sé nelle numerose, chiassose e colorate sfilate che costellano il programma della manifestazione. Da citare è sicuramente la straordinaria cerimonia di chiusura: si tratta del tradizionale e particolarmente sentito Three Kings Day - la giornata dei Re Magi -, durante il quale le strade sono piene di figuranti vestiti con abiti sgargianti tra suoni e musiche dai ritmi coinvolgenti. Con il corteo sfilano anche dei carri colorati alla sommità dei quali gruppi di isolani in costume suonano e danzano al ritmo di improvvisate percussioni. Ci sono persino il re e la regina della festa e tutta la corte, che, vestiti nei loro lunghi abiti tradizionali, danno proprio un’impressione regale.

 

Le festività natalizie si stanno avvicinando e non c’è occasione migliore per visitare quei paradisi incontaminati che sono le Isole Vergini Americane. Se non siete dei nostalgici dei paesaggi innevati, ma amate anche le candide distese sabbiose lambite dal mare è un momento straordinario per visitare i Caraibi, riposarsi comodamente al sole e, quando lo desiderate, immergervi nel cuore della festa: farsi coinvolgere nel suo spirito di esaltazione, seguire i suoi ritmi senza inibizioni, trovarsi in uno stato di abbandono dei sensi che i cruciani chiamano bambooshai e che in americano si traduce in: Live it up!

 

 

Info: Uff. del Turismo Isole Vergini Americane, c/o Thema Nuovi Mondi Srl - Via C.Pisacane, 26 - 20129 Milano - Tel.:02.33.10.58.41 - usvi@themasrl.it - - www.isoleverginiusa.it - www.usvitourism.vi

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl