Cilento, i fichi secchi e il fico bianco dop

In realtà nasce come alimento per contadini e pastori: grazie ai tempi lunghi di conservazione, al suo apporto calorico e nutritivo, era l'alimento preferito da chi era costretto a stare lontano da casa per lunghi periodi.

15/nov/2014 16:59:32 Massimo Esposito Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

C'è un prodotto che da sempre contraddistingue un intero territorio. Parliamo dei fichi secchi e, in particolare, dei fichi secchi del Cilento. L'origine è antica e risale già all'epoca degli insediamenti greci nel teorritorio ma il fico bianco inizierà a diventare prodotto di lusso in epoca romana. 

In realtà nasce come alimento per contadini e pastori: grazie ai tempi lunghi di conservazione, al suo apporto calorico e nutritivo, era l'alimento preferito da chi era costretto a stare lontano da casa per lunghi periodi. Nel tempo è diventato prodotto per eccellenza, in particolar modo nel periodo natalizio ... una leccornia presente su molte delle tavole imbandite dagli italiani. 

Nel Cilento, però, la proposta è più varia che mai: non solo fichi secchi ma anche marmellate, liquori, creme e succhi ... tutti derivanti da uno dei prodotti d'eccellenza del territorio cilentano. 

Fonte: LiveCasalvelino.it, il portale di riferimento per Casalvelino

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl