Una Romagna tutta da scoprire: il Burson si presenta alla Rocca di Dozza

27/nov/2014 15.54.57 Pierluigi Papi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Una Romagna tutta da scoprire: il Burson si presenta alla Rocca

Il prossimo banco d’assaggio domenica 30 novembre a Dozza, mentre sabato 29 per la serie di incontri con i “vignaioli in Enoteca” i produttori di Cantine Spalletti Colonna di Paliano (FC).

 

Dalle 14.30 alle 18.30, il banco d’assaggio di Domenica 30 novembre organizzato dall’Enoteca Regionale alla Rocca di Dozza presenterà a tutti i winelovers il Burson, un vino dal nome bizzarro e forse ancora poco conosciuto, autoctono della pianura ravennate - soprattutto nella zona di Bagnacavallo - ottenuto dall’uva Longanesi.

Scoperta negli anni '50 arrampicata a una quercia nei dintorni di Bagnacavallo da Antonio Longanesi, detto Burson, questa vite è stata a lungo ignorata come varietà autentica perché piantata assieme ad altre viti �“ i vini erano dunque ottenuti dalla vinificazione di uve diverse.

Dal 1997 un gruppo di produttori si è unito nel Consorzio “Il Bagnacavallo” e ha registrato il nome “Burson”, formalizzato un regolamento di produzione e scegliendo un'etichetta e una bottiglia comune per presentare al mercato un prodotto distintivo. Oggi il Burson è commercializzato nelle varianti Etichetta Blu ed Etichetta Nera (Riserva).

Assistiti dalla presenza di un sommelier sarà possibile degustare diversi Burson provenienti da differenti aziende. Il tutto abbinato all’assaggio di eccellenze gastronomiche regionali, dal Parmigiano Reggiano alla Mortadella di Bologna.

Il costo della degustazione di tre vini è di 6 Euro, assaggio a richiesta di salumi e formaggi 2 Euro.

 

Prosegue anche la serie d’incontri organizzati da Enoteca Regionale Emilia Romagna alla Rocca di Dozza con i vignaioli: sabato 29 novembre dalle 14.30 alle 18 ad offrire un assaggio gratuito e svelare curiosità e retroscena sulla propria cantina e sulle modalità di vinificazione saranno Le Cantine Spalletti Colonna di Paliano (FC).

Sul terreno collinare della splendida “Tenuta di Savignano”, tre chilometri a sud di Savignano sul Rubicone, si estendono i vigneti da cui nascono i grandi vini della Cantina Spalletti Colonna di Paliano: una tradizione vitivinicola che risale al 1500, rimasta intatta da quell’epoca fino all’attuale attenta gestione, che ne valorizza ed esalta tutte le migliori potenzialità.

Dei 220 ettari di superficie della “Tenuta di Savignano”, ben 72 sono infatti dedicati esclusivamente alla vitivinicoltura e, in particolare, al Sangiovese di Romagna D.O.C., Trebbiano di Romagna D.O.C., Albana di Romagna D.O.C.G., Bombino Bianco (Pagadebit), Cabernet Sauvignon e Franc, Riesling, Chardonnay e Merlot. Le ragioni di una produzione così ampia e prestigiosa risiedono in un mix di elementi: impianti con oltre 5.000 piante per ettaro, cloni di viti coltivati in terreni particolarmente vocati, modeste ed appropriate concimazioni, diradamenti per contenere ed ottimizzare le produzioni, vendemmia tradizionale, cernita oculata dei grappoli, fermentazione con lieviti selezionati e massimo controllo in una cantina tecnologicamente all’avanguardia.

 

Per informazioni e prenotazioni: tel. 0542 367700; e-mail: info@enotecaemiliaromagna.it

 


 --  Pierluigi Papi via della Costituzione 1/d 48012 Bagnacavallo (RA) Tel. 338 3648766 fax aut 02700414712 ppapi@racine.ra.it skype pierluigi.papi 




blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl