JAZZ MADE IN ITALY AL MIC DI FAENZA

JAZZ MADE IN ITALY AL MIC DI FAENZA JAZZ MADE IN ITALY AL MIC DI FAENZA Riflettendo sul delicato rapporto che esiste nell'ambito dei vari linguaggi jazzistici tra composizione ed elaborazione, il pianista faentino Michele Francesconi dà vita a un progetto di trio, assieme al percussionista Carlo Alberto Canevali e al contrabbassista Paolo Ghetti, in cui nessuno dei componenti è autore dei brani eseguiti.

02/mar/2007 16.20.00 Pierluigi Papi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

JAZZ MADE IN ITALY AL MIC DI FAENZA

 

Riflettendo sul delicato rapporto che esiste nell’ambito dei vari linguaggi jazzistici tra composizione ed elaborazione, il pianista faentino Michele Francesconi dà vita a un progetto di trio, assieme al percussionista Carlo Alberto Canevali e al contrabbassista Paolo Ghetti, in cui nessuno dei componenti è autore dei brani eseguiti. Il repertorio è invece frutto di anni di ricerca su autori italiani in gran parte poco conosciuti al grande pubblico.

In questo modo lo stile dei tre performer, un po’ come avviene nell’ambito interpretativo della musica eurocolta, dà vita nuova alle composizioni, rielaborandole e facendole proprie.

L’occasione per ascoltare il Trio Francesconi-Canevali-Ghetti è domenica 11 marzo, ore 11, nell’ambito della rassegna dei “Concerti aperitivo” organizzata e ospitata al Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza.

 

Il programma del concerto prevede: NU-MI DANZA e JND di Adriana Vasques, TRANSALPANDO di Stefano DeBonis, GONZALES di Alessandro Fabbri, ELENA di Mauro Negri, ATTESE di Francesco Carta e HIDDEN DOOR di Dimitri Sillato.

 

Michele Francesconi. Diplomato in pianoforte al Conservatorio di Rovigo con il massimo dei voti e la lode. Diplomato in musica jazz presso il Conservatorio di Trento nella classe di Franco D’Andrea. Ha frequentato i seminari di Siena Jazz, Umbria Jazz e Nuoro Jazz, negli ultimi due vincendo una borsa di studio. Ha frequentato una masterclass tenuta da Enrico Pieranunzi e ha studiato con il musicologo Luca Bragalini. Ha già all’attivo diverse incisioni discografiche.

Paolo Ghetti. Approda al contrabbasso e alla musica jazz dopo essersi dedicato al clarinetto e al basso elettrico. Nel corso della carriera artistica si è esibito in importanti festival e rassegne:  Ginevra, Barcellona, Madrid, Stoccolma, Parigi. Ha al suo attivo molte incisioni discografiche e molte importanti collaborazioni, tra le quali: P. Metheny, P. Erskine, S. Grossman, S. Coleman, D. Liebman, L. Konitz. E’ docente di contrabbasso jazz nei conservatori di Bologna ed Adria (RO).

Carlo Alberto Canevali. Ama profondamente la musica e vi dedica tutta la vita.  Ha frequentato seminari tenuti da Lew Soloff, Harold Danko, Harvie Swartz e il Laboratorio Permanente di Ricerca Musicale di Siena Jazz con Stefano Battaglia. Ha collaborato con: Kenny Wheeler, Franco D´Andrea, Robert Friedl, Renato Chicco, Ares Tavolazzi, James Thompson, Jay Rodriguez, Juarez Moraira ed altri. Dal 1992 è titolare della cattedra di batteria presso il Centro Didattico Musicateatrodanza di Rovereto. Ha all’attivo una quindicina di incisioni discografiche.

 

La formula dei Concerti aperitivo prevede che si possa ascoltare musica sorseggiando un calice di vino delle cantine Caviro. L’ingresso al concerto è gratuito.

 

Il concerto si svolge grazie al contributo dall'Hotel Vittoria di Faenza.

 

 

Questo appuntamento sostituisce quello in programma col Trio Domino: il pianista della formazione, infatti, ha subito un infortunio che ha causato l’annullamento del loro concerto.

 

Ufficio stampa Coop. Aleph:

Pierluigi Papi tel. 338 3648766 e-mail: papi@coopaleph.it

Tatiana Tomasetta tel. 338 9179905 e-mail: tomasetta@coopaleph.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl