MIC People and Potteries post conferenza stampa

03/mar/2007 15.49.00 Pierluigi Papi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Buon pomeriggio,
in allegato trasmetto il materiale distribuito questa mattina, alla presenza dei partner europei,
nel corso della conferenza stampa di presentazione del progetto People and Potteries.
 
Resto a disposizione
 
Cordialità
 
Coop. Aleph - Ravenna
rif. Pierluigi Papi   Tel. 338 3648766
fax automatico 02700414712
papi@coopaleph.it  ppapi@racine.ra.it
skype: pierluigi.papi
 
 
 
 

Mostra:                 People and Potteries

Sede:                     Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

                              Via Baccarini, 19 - Faenza

Periodo:                9 marzo  – 29 aprile 2007

Inaugurazione:      venerdì 9 marzo (orario in via di definizione)

Orari mostra:        fino al 31 marzo 2007

                              Dal martedì al giovedì: 9.30 - 13.30

                              Dal venerdì alla domenica e festivi: 9.30 - 17.30

                              dal 1 aprile 2007

                              dal martedì alla domenica e festivi 9.30 – 19.00

                              lunedì: chiuso

Ingresso:               intero € 6,00

Ridotto: € 3,00

                              Ridotto scolaresche: € 2,50

 

 

Gli spazi espositivi del Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza si aprono per ospitare, dal 9 marzo al 29 aprile 2007, l’originale mostra multimediale del progetto europeo “People and Potteries – un patrimonio culturale in Europa”.

Si tratta di una esposizione didattica che ha lo scopo di far conoscere al pubblico alcune peculiarità artistiche dei diversi paesi partecipanti al progetto “People and Potteries” e mostrare quale tipo di società si è formata attorno al mondo della produzione ceramica tradizionale in quei territori.

L’attenzione non è sugli oggetti, ma piuttosto sulle persone, i metodi, le macchine, l’arte; come, quando e in quali circostanze gli oggetti ceramici vengono creati, quale simbiosi esiste fra storia, tradizione e mondo moderno. Per mantenere vive le tradizioni e preservarle per i posteri, operando in un modo innovativo.

 

Al MIC sono esposte una cinquantina di opere, tutte rappresentanti lo sviluppo della tecnica ceramica nelle diverse aree coinvolte dal progetto: Hohenberg in Germania, Limoges in Francia, Stoke-on-Trent in Gran Bretagna, Herend in Ungheria, oltre ovviamente a Faenza per l’Italia.

Al fianco di preziosi manufatti artistici ceramici si potranno ammirare anche uno stampo del cinquecento per la produzione di coppe o crespine, alcuni materiali da lavoro, un piccolo forno. Una parte è dedicata a Carlo Zauli, considerato tra i più importanti scultori ceramisti del Novecento, con opere e fotografie della sua celebre bottega-laboratorio nel centro storico di Faenza, divenuta ora un museo permanente.

Il percorso espositivo è costruito da pannelli didattici e fotografie. Grazie ad una decina di totem multimediali sarà possibile visionare materiale storico relativo ad ogni città del progetto. In uno di questi totem ci sono le video-interviste fatte al alcuni noti personaggi faentini del mondo della ceramica.

“People and Potteries” (letteralmente “Persone e Ceramica”) è il proseguimento del progetto “Ceramica – Cultura – Innovazione”,  sancito dal Programma Europeo dell’Unione Europea Cultura 2000.

Nasce dalla collaborazione tra sei istituzioni culturali (cinque musei e un istituto tecnologico) ed è focalizzato alla promozione, alla cooperazione culturale e alla reciproca conoscenza.

Oltre al MIC, hanno collaborato al progetto: Deutsches Porzellanmuseum di Hohenberg, (Germania), Musée National de Porcelain Adrien Dubouché di Limoges (Francia), The Potteries Museum and art Gallery di Stoke-on-Trent (Gran Bretagna), Museo della Porcellana di Herend (Ungheria) e Hothouse Centre for Design di Stoke-on-Trent (Gran Bretagna).

 

Ognuna delle sei Istituzioni partner è stata responsabile di un sotto-progetto.

Il MIC si è occupato di 2 di essi:

- “La storia narrativa” (in collaborazione con la Galleria d’Arte di Stoke-on-Trent): focalizzato alla registrazione dei processi lavorativi, degli ambienti, dei documenti storici e degli “stravolgimenti” riguardanti le condizioni di lavoro. È stato così creato un archivio digitale al fine di preservare questo patrimonio e rappresentarlo virtualmente.

- Il “Database bibliografico”: attraverso uno strumento informatico già consolidato nel precedente progetto si è proseguiti con l’arricchimento di testi in un data-base, consultabile dai partner, contenente testi dedicati alle tematiche del programma “People and Potteries”.

 

 

 

Ufficio stampa Coop. Aleph:

Pierluigi Papi tel. 338 3648766 e-mail: papi@coopaleph.it

Tatiana Tomasetta tel. 338 9179905 e-mail: tomasetta@coopaleph.it



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl