Progettare edifici a basso impatto ambientale. Se ne parla a Lugo venerdì 15 nel corso di un interessante convegno pubblico

08/feb/2008 05.49.00 Pierluigi Papi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Progettare edifici a basso impatto ambientale

Se ne parla a Lugo venerdì 15 nel corso di un interessante convegno pubblico

 

L’appuntamento centrale dell’evento “Si[E]nergia. Soluzioni di risparmio energetico”, in corso in questi giorni nei locali delle Antiche Pescherie della Rocca di Lugo, è rappresentato dal convegno pubblico Progettare edifici a basso impatto ambientale: la Casa da 2 Litri”, organizzato da Edilpiù Lugo in collaborazione con l’Università di Ferrara - Facoltà di Architettura. L’appuntamento è per il pomeriggio di venerdì 15 febbraio, a partire dalle 14.30.

 

Il convegno illustrerà le linee guida per costruire edifici in grado di utilizzare annualmente l’equivalente di soli 2 litri di combustibileper riscaldare e illuminare ogni metro quadrato di superficie abitabile, pari a un consumo energetico di circa 20 Kw/h/m2, ben 10 volte inferiorea quello medio dell’attuale parco edilizio italiano.

 

Nutrita e molto qualificata la schiera dei relatori che interverranno al convegno. Dopo l’introduzione da parte Gian Paolo Bacchini, amministratore di Edilpiù, e il saluto da parte del Sindaco di Lugo, Raffele Cortesi, si entrerà subito nel merito dell’argomento grazie all’Ing. Marco Piana (Centro Informazione Pvc, Aipe) che parlerà della “Casa 2 Litri. Progettazione e costruzione”. Seguirà l’intervento di Luca Gobbetti (Finstral) in merito alle “Prestazioni energetiche dei serramenti e dei prodotti specifici per costruzioni a basso consumo energetico”. L’ultima parte del convegno, prima del dibattito conclusivo, vedrà coinvolto il mondo accademico con gli interventi dei professori Arch. Gian Luca Minguzzi e Arch. Paolo Rava della facoltà di architettura dell’Università di Ferrara. Minguzzi illustrerà il “Premio internazionale di architettura sostenibile”, mentre Rava traccerà l’importanza dei rapporti fra l’ “Università e il territorio locale”.

 

Nel corso dell’incontro sarà inoltre illustrato il primo esempio concreto di realizzazione di “Casa 2 litri”, progettato dallo studio Arkit di Bologna e già avviato nel Comune di Ozzano dell’Emilia (BO).

 

L’importanza degli argomenti trattati dal convegno è tale in quanto, in termini di consumo energetico, il comparto edilizio rappresenta uno dei settori dell’economia a impatto più elevato, contribuendo inoltre in maniera massiccia alle emissioni di gas a effetto serra sia in fase di costruzione sia di uso e gestione degli edifici. Una concreta risposta può e deve provenire quindi da una progettazione sostenibile che miri a realizzare edifici ed infrastrutture con un impatto minimo sull’ambiente. In questo contesto si colloca il progetto “Casa 2 Litri”, sostenuto congiuntamente da AIPE (Associazione Italiana Polistirene Espanso) e dal Centro di Informazione sul PVC, e sposato appieno da Aziende attende a questi argomenti, come appunto Edilpiù che ne promuove lo sviluppo e la divulgazione delle informazioni.

 

La partecipazione al convegno è gratuita. Per informazioni: tel. 0545 27222.

 

Ufficio stampa per Reclam: Pierluigi Papi tel. 338 3648766 papi@coopaleph.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl