L’italianità in tutte le sue sfumature al centro di un nuovo concorso letterario

L'italianità in tutte le sue sfumature al centro di un nuovo concorso letterario L'italianità in tutte le sue sfumature al centro di un nuovo concorso letterario Iscrizioni aperte fino al 30 settembre 2008 Dall'idea di una piccola ma attivissima casa editrice romagnola, Discanti, è nato un nuovo concorso letterario che mira a valorizzare l'estro narrativo dei tanti scrittori italiani che hanno difficoltà nel fare pubblicare i propri testi.

11/lug/2008 16.49.00 Pierluigi Papi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

L’italianità in tutte le sue sfumature al centro di un nuovo concorso letterario

Iscrizioni aperte fino al 30 settembre 2008

 

 

Dall’idea di una piccola ma attivissima casa editrice romagnola, Discanti, è nato un nuovo concorso letterario che mira a valorizzare l’estro narrativo dei tanti scrittori italiani che hanno difficoltà nel fare pubblicare i propri testi. “Ita(g)liani”, questo il titolo del concorso, ha infatti come obiettivo finale la pubblicazione di un volume che conterrà i tre racconti vincitori, unitamente ad altri menzionati. Il volume, che sarà poi presentato pubblicamente nel mese di dicembre, inaugurerà una nuova collana editoriale omonima che, secondo lo stile di Discanti, accoglierà saggi e narrativa, o “contaminazioni” tra i due generi, che esploreranno “l’italianità” in tutte le sue sfumature, tra vizi e virtù.

 

Il concorso, che prevede di diventare un appuntamento annuale, è dunque dedicato a racconti in prosa che dovranno prendere spunto e ispirarsi ad un frammento letterario di un noto autore italiano che sarà deciso dalla Giuria. In questo 2008 l’autore prescelto è Leo Longanesi (Bagnacavallo 1905 - Milano 1957), editore, scrittore e giornalista. Il frammento cui ispirarsi - tratto da Parliamo dell’elefante, Milano, Longanesi, 1983 - recita: «La nostra bandiera nazionale dovrebbe recare una grande scritta: Ho famiglia».

 

La partecipazione al concorso è aperta a tutti, senza limiti di età, e prevede il versamento di una quota, a titolo di contributo spese per i lavori di segreteria, fissata in 10 euro. Ogni autore può partecipare con un solo elaborato. La lunghezza degli elaborati deve essere compresa tra le 10.000 e le 20.000 battute (spazi inclusi). I testi devono essere inediti. Gli elaborati dovranno pervenire entro il 30 settembre 2008, in unica copia cartacea, alla sede della Casa Editrice Discanti di Michele Antonellini, via Cairoli 7, 48012 Bagnacavallo (Ravenna).

 

La giuria, cui spetterà il compito di selezionare le opere pervenute e decretare i vincitori, è composta dall’editore Michele Antonellini e da alcuni scrittori e giornalisti: Giuseppe Bellosi, Massimo Padua, Mirella Santamato, Valeria Giordani.

 

 

Per saperne di più si può consultare il sito www.discantieditore.it.

 

 

 

 

Ufficio stampa Discanti editore: Pierluigi Papi tel. 338 3648766  ppapi@racine.ra.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl