Tre serate di Cinamadivino a Castel Bolognese

18/lug/2008 11.20.00 Pierluigi Papi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Cinemadivino - i grandi film si gustano in cantina

 

Tre serate di Cinamadivino a Castel Bolognese

Coinvolte le Aziende Ferrucci, Costa Archi e Camerone

 

La rassegna cinematografica itinerante “Cinemadivino” fa tappa a Castel Bolognese dove, nel giro di una settimana, ci saranno ben tre appuntamenti.

 

Si parte lunedì 28 luglio all’Azienda Stefano Ferrucci (Via Casolana 3045, info. 0546 651068) dove verrà proiettato il film “Sapori e dissapori”. Il 1° agosto l’appuntamento è all’Azienda Costa Archi (via Rinfosco 1690, info. 338 4818346) con la pellicola “Bianco e Nero”. Infine, lunedì 4 agosto ci si sposta alla Fattoria Camerone (via Biancanigo 1485, info. 338 2076191) per assistere a “Caos Calmo”.

 

Fra una data e l’altra a Castel Bolognese, c’è tempo anche per una “trasferta” a Modigliana, all’Azienda Il Pratello (via Morana 14, tel. 335 1358728) per vedere il film “La volpe e la bambina”. Appuntamento mercoledì 30 luglio.

 

La formula vincente di “Cinemadivino” è quella di far ammirare sul grande schermo i film direttamente nelle aie o nelle cantine della aziende vitivinicole (che sarà possibile visitare dalle ore 19.30, con visita guidata - prenotazione obbligatoria - alle 20.30), sorseggiando un calice di vino e gustando alcuni tipici mangiari preparati nello spazio gastronomico (l’avvio delle proiezioni è invece previsto per le ore 21.30).

 

 

Sapori e dissapori

Un film di Scott Hicks. Con Catherine Zeta-Jones, Aaron Eckhart, Abigail Breslin, Patricia Clarkson, Bob Balaban. Genere Commedia, durata 105 minuti. Produzione USA, Australia 2007.

Kate Armstrong, una chef affermata, perfezionista e dedita completamente al suo lavoro, si occupa di un ristorante molto chic di Manhattan, in cui vengono serviti piatti dall'aspetto delizioso e invitante. Ha un rapporto davvero pessimo con Nick, il suo aiutante cuoco: i due litigano continuamente, anche perché lui ha idee tutte sue su come andrebbero preparati i cibi. All'improvviso, le viene affidata la nipotina Zoe, di soli otto anni, e la situazione si complica ulteriormente. Quando poi Kate si rende conto che si sta innamorando di Nick, capisce d'un tratto che gli atteggiamenti che ha sempre avuto devono necessariamente cambiare.

 

La volpe e la bambina

Un film di Luc Jacquet. Con Bertille Noël-Bruneau. Voce narrante: Ambra Angiolini. Genere Avventura/Naturalistico, durata 90 minuti. Produzione Francia 2007.

Una bambina dai capelli rossi, nelle sue passeggiate nel bosco incontra una volpe, impara a conoscerla e amarla. La volpe e la bambina è una storia sull'amicizia, tra uomo e animale e sui limiti di un rapporto che spesso sfocia nella possessione. Dopo aver mostrato l'umanità dei pinguini in una marcia da Oscar (La marcia dei pinguini, 2005) Luc Jacquet racconta una favola in maniera tradizionale, ispirandosi in parte al "Piccolo principe", pur senza quel fondo di malinconia che marca l'opera di Saint Exupery, e molto a Walt Disney.

 

 

Bianco e nero

Un film di Cristina Comencini. Con Fabio Volo, Ambra Angiolini, Aïssa Maïga, Eriq Ebouaney, Anna Bonaiuto, Franco Branciaroli, Katia Ricciarelli. Genere Drammatico, durata 100 minuti. Produzione Italia 2007.

Elena è devota alla sua attività come mediatrice culturale tra gli africani e le istituzioni italiane, ma inconsciamente spera che il suo impegno possa in qualche modo espiare i pregiudizi razziali dei genitori borghesi. Il marito Carlo non condivide il suo stesso entusiasmo e non ama accompagnarla alle serate benefiche promosse dall'associazione perché si sente fuori luogo. Finché non conosce Nadine, l'affascinante moglie senegalese del collega di Elena, e se ne innamora.

 

 

Caos calmo

Un film di Antonello Grimaldi. Con Nanni Moretti, Valeria Golino, Alessandro Gassman, Isabella Ferrari, Blu Yoshimi, Manuela Morabito, Roberto Nobile, Babak Karim. Genere Drammatico, durata 112 minuti. Produzione Italia 2007.

Pietro Paladini ha fatto una promessa. Ha promesso alla sua bambina di aspettarla davanti alla scuola fino alla fine delle lezioni. Lara, sua moglie, è morta improvvisamente e Pietro non sa decidersi a soffrire, non sa decidersi a ripartire. Seduto su una panchina, giorno dopo giorno riceve le visite e le rivelazioni dolorose dei colleghi, turbati da una fusione aziendale, e dei familiari, preoccupati per il suo stato. Trasgredite le regole dell'efficienza e della produttività e abitato da una sorprendente calma, Pietro resta in attesa del dolore e della vita dopo il dolore.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl